Excite

Zeman e Gasperini esonerati. Andreazzoli-Roma, ma arriva Panucci? Malesani a Palermo

  • Getty Images

Saltano altre due panchine in serie A. La 23° giornata è costata la panchina a Zdenek Zeman e Gian Piero Gasperini: ora i gialorossi, per il momento affidati alle cure di Aurelio Andreazzoli, seguono l'ex difensore Christian Panucci. Il Palermo, invece, ha già deciso puntando su Alberto Malesani. Per Zamparini si tratta del 42esimo cambio tecnico.

ROMA - Potrebbe essere deluso chi pensava ad Aurelio Andreazzoli quale soluzione tampone in vista di un nome "forte". A quanto pare, invece, l'allenatore (fedelissimo di Sabatini e alla Roma sin dal 2005-2006, quando giunse nella Capitale insieme a Luciano Spalletti) avrà una chance importante per la sua carriera.

Alla base della decisione del club anche una questione di budget. Andreazzoli, 50 anni, finito ai margini dello staff zemaniano (il boemo preferiva consultarsi più che altro con gli storici giannizzeri Cangelosi e Modica) ha un contratto rinnovato da poco a 200mila euro a stagione. Non molto, considerati lo stipendio medio di un allenatore di serie A, ma neanche poco. Con Andreazzoli ci saranno anche Zago, i preparatori Franceschi e Chinnici e forse Roberto Muzzi.

Lo schema-Andreazzoli potrebbe prevedere il 3-5-2 tanto caro al suo mentore o, in alternativa, il 3-4-3 provato una sola volta da Zeman e che valse la conquista della semifinale di coppa Italia grazie alla vittoria di Firenze.

Intanto, l'ex difensore Panucci ha confermato le voci di un interessamento da parte del club con cui da calciatore ha disputato 229 partite. "Sì è vero, sono stato contattato e mi è stata chiesta la disponibilità per subentrare a Zeman, ma poi non si è fatto sentire nessuno...".

Ieri Zeman ha salutato tutti. Commossi i tifosi (c'è chi addirittura gli restituisce l'abbonamento), rammaricato lui: "Dispiaciuti i tifosi, ma io di più. La squadra non era ammutinata, non mi giocava contro".

PALERMO - Altra situazione esplosiva è quella dei rosanero, aggravata non solo dalla situazione di classifica, ma anche da gravi tensioni a livello dirigenziale.

Zamparini ha dato il La al 42esimo cambio di una vulcanica carriera presidenziale. Via Gasperini, dentro Alberto Malesani dunque. Una decisione scaturita da un summit al quale non ha partecipato pietro Lo Monaco: tutto lascia presupporre che oltre a Gasperini salti, di già, la poltrone dell'ex dg del Catania, che aveva iniziato una stagione tribolata al Genoa, per poi lasciarsi in malo modo con Preziosi.

Al posto di lo Monaco, Zamparini ha pensato di (ri)chiamare Giorgio Perinetti, che per qualche mese, prima dell'arrivo di Pietro Lo Monaco, aveva ricoperto il ruolo di Direttore Generale dell'area sportiva, carica dalla quale si era dimesso con una laconica dichiarazione "si tratta della decisione più triste della mia vita".

Ora l'ex Siena ritorna e cercherà di aiutare i rosanero a risollevarsi da una situazione che appare compromessa, con capitan Miccoli e compagni ultimi con appena 17 punti.

STRAMACCIONI - Chievo in casa, Cluj in casa, Fiorentina in trasferta, Cluji in trasferta, Milan in casa. Le prossime 5 partite sarannod ecisive per le sorti di Stramaccioni, altro allenatore in bilico. Moratti si èdefinito "arrabbiato" per il 3-1 subito dall'Inter in casa del Siena: il perdere ulteriore contatto dalla zona Champions e uscire dall'Europa League potrebbe rivelarsi inevitabilmente fatale per il giovane (forse troppo) Andrea.

9 CAMBI - Sinora in serie A sono stati registrati 9 avvicendamenti in panchina. Gasperini per Sannino al Palermo; Corini per Di Carlo al Chievo Verona; Pulga per Ficcadenti al Cagliari; Delneri per Di Canio al Genoa; Bergodi per Stroppa al Pescara; Iachini per Cosmi al Siena; Delio Rossi per Ferrara alla Samp; Ballardini per Delneri al Genoa e infine i cambi registrati nelle ultime ore a Roma e Palermo.

Sostituzioni che in qualche caso hanno pagato, in altri no. Ma tant'è. D'altronde, l'esonero è una istituzione che, annualmente, tiene in vita le speranze di ingaggio di quanti restano esclusi ad inizio stagione e poco importa se, puntualmente, i vari campionati si trasformano in una autentica macelleria di carriere: l'esonero è una ruota che gira e Coverciano sforna continuamente cerchioni, dopotutto.

Un tifoso dà il proprio abbonamento a Zeman, il video

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017