Excite

Toro, Cairo vende

Il futuro del Torino potrebbe chiamarsi Tesoro. Savino Tesoro per la precisione, presidente della Pro Patria che presto avrà un incontro con il numero uno granata, Cairo.

Accanto a Tesoro, spunta anche il nome di un altro acquirente. Si tratta di Francesco Agnello, 45 anni, tifoso napoletano. Nel 2004 ha rilevato dal Gruppo Parmalat la Streglio, storico marchio piemontese del cioccolato, azienda venduta successivamente all´imprenditore Antonio Borsci.

Agnello nel 2002 fu presidente per un giorno, quando acquistò la Sambenedettese da Gaucci. L'accordò saltò lasciando tra i due una lunga scia di rancori mai sopiti:'sembrava un affare' ricorda Agnello ' ma era un pacco ben confezionato da Gaucci'.

'Quando incontrerò Cairo? Ci penserà il mio avvocato nei prossimi giorni' spiega a 'Repubblica'. 'Domani(oggi, ndr) Seguirò con interesse l´incontro tra Cairo e Tesoro. Ha un bel cognome, ne faccia Tesoro... ma io ovviamente spero che la trattativa non vada in porto'.

CIUCCARIELLO - I tifosi granata sperano che non si ripeta l'affaire-Ciuccariello. L'imprenditore foggiano che un anno fa si disse disposto ad acquistare il Toro immettendo sin da subito nelle casse granata 100 milioni di euro. 'Qualificazione in una competizione europea, stadio di proprietà e rivalutazione del settore giovanile' alcune delle promesse di Ciuccariello che così si difendeva dalle accuse degli scettici 'Sì, sono stato protestato. Ma a chi non è mai capitato?'. La trattativa saltò, ma in pochi si stupirono.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018