Excite

Tifoso del Parma muore investito da pullman tifosi Juventus

Un tifoso del Parma è rimasto ucciso questa mattina in un incidente all'area di servizio Crocetta Nord vicino Torino. L'uomo è stato investito da un pullman di tifosi della Juve. La cronaca.

Le foto dall'area di servizio e da Torino, e la mappa del luogo dell'incidente

19.13 - Parla il questore di Asti, Antonio Nanni: "Il tifo stavolta non c'entra. Stavano andando via, l'autista dice che non l'ha visto. Non ci sono stati scontri. Non ci sono bottiglie e oggetti a terra. Non ci sono testimoni esterni. Il benzinaio era rivolto di spalle. È stata una terribile disgrazia". Ai microfoni di Controcampo un tifoso della Juve parla di fuga dall'aggressione dei tifosi del Parma armati di cinghie: "Il ragazzo si è piazzato davanti al pullman, e l'autista non poteva far niente per evitarlo".

17.43 - Bagnaresi veniva da una diffida di 3 anni dovuta ad un'invasione di campo. Oggi sarebbe dovuto esserci il suo ritorno allo stadio. Queste le informazioni date su Italia 1, a Domenica Stadio.

16.13 - La testimonianza di un tifoso del Parma: "Matteo era vicino alle ruote del bus e in retromarcia il mezzo lo ha travolto, poi è ripartito. L'autista non lo ha visto e non si è accorto di quello che era successo. Qualcuno di noi si è invece accorto subito dell'investimento e ha urlato all'autista di fermarsi, ma lui, forse impaurito e pensando che fossero minacce, ha proseguito".

15.50 - Parla all'agenzia Agr il comandante della stradale Rubino: "Si erano fermati 4 pullman di tifosi parmensi e uno di tifosi della Juve. Si erano un po' sfottuti, solite cose, ma non eravano venuti alle mani. Il conducente del pullman juventino, proprio per evitare che dalle frasi si venisse alle mani, ha pensato di ripartire verso lo stadio, purtroppo nel fare la manovra non si è accorto del ragazzo e l'ha investito. E' stato solo un incidente. Il pullman è uscito dall'area e si è fermato a circa 400 metri, avvertendo la polizia dell'investimento".

15.43 - Matteo Bagnaresi era un componente dei "Boys", gli ultras del Parma.

15.40 - "Pensare ad un'altra morte è impressionante, assurdo, ci fa rivivere momenti tristissimi", sono le parole di Cristiano, il fratello di Gabriele Sandri. La famiglia Sandri è stata ospite a Quelli che il calcio: proprio alla stessa giornata del girone di andata Gabriele Sandri fu ucciso a Badia al Pino.

15.35 - Il fatto è successo attorno alle 13, quando all'area di servizio erano fermi sia un pullman di tifosi del Parma sia quello dei tifosi della Juventus. Tra i gruppi ci sarebbero stati semplici sfottò, nessuna particolare tensione.

15.30 - Il presidente della Juve Cobolli Gigli: "Era logico non giocare questa partita, per senso di responsabilità e rispetto nei confronti dei familiari". Sia Cobolli che il presidente del Parma Ghirardi concordano nel dire che si è trattato di una fatalità.

15.25 - La vittima avrebbe compiuto 28 anni a settembre, era figlio unico. E' morto sul colpo ed il suo corpo è ancora sul luogo dell'incidente, coperto da un telo. Nell'area di servizio sono arrivati i genitori, l'autista è sotto interrogatorio. L'autobus che lo ha investito era partito da Crema. La vittima è stata colpita vicino alle colonnine di rifornimento di carburanti. Sul posto è arrivato il questore di Asti, Antonio Nanni.

15.10 - La partita Juventus-Parma non ha preso il via: la Figc ha disposto in segno di lutto il rinvio della partita.

15.05 - Aveva 28 anni Matteo Bagnaresi, il supporter del Parma che si stava recando all'Olimpico di Torino per seguire Juve-Parma. All'area di servizio Crocetta Nord sulla A21 , nei pressi del capoluogo piemontese, l'uomo è stato investito da un pulmino di tifosi della Juve. In quel momento il pulmino era vuoto, c'era solo il conducente che stava effettuando manovra. Ancora non chiarissima la dinamica dell'incidente.

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017