Excite

Tifosi del Napoli, Abete: "Vandali fuori dagli stadi"

Pierpaolo Marino, dirigente del Napoli, lo aveva assicurato: per la partita contro la Roma "i tifosi napoletani che andranno in trasferta nella capitale terranno un comportamento impeccabile anche per via degli appelli fatti negli ultimi giorni".

Non è stato così. Circa 1500 tifosi azzurri ieri mattina prima dell'inizio della partita hanno assediato la stazione centrale di Napoli assalendo addirittura un treno, l'Intercity Plus 520, che doveva raggiungere Roma. Circa 250 passeggeri sono stati costretti a cambiare treno a a causa delle intemperanze degli ultrà. I danni secondo le Ferrovie dello Stato ammontano a 500.000 euro per le 11 vetture occupate dagli ultrà.

All'arrivo nella capitale, i tifosi napoletani hanno acceso fumogeni e due grossi petardi. L'esplosione ha provocato paura tra i passeggeri. Un tifoso è rimasto ferito ad una mano e 4 ferrovieri sono rimasti contusi. 5 i tifosi che sono stati arrestati e verranno giudicati per direttissima.

"Sarebbe stata una bella giornata se non ci fossero stati questi incidenti - ha detto a Radio Anch'io Sport Giancarlo Abete, presidente della Figc-. A Roma e Napoli ci sono state invece scene di paura, anche per normali cittadini che erano a prendere il treno. È stata sporcata nuovamente l'immagine di Napoli. Dobbiamo assolutamente debellare questi deliquenti che inquinano il nostro mondo e il nostro paese. Non è possibile assistere a certi spettacoli. C'è da guardare al clima in cui si è giocata Fiorentina-Juventus, una gara tradizionalmente difficile".

"Il Viminale - ha continuato Abete - aveva consentito la trasferta ai tifosi del Napoli e aveva sottolineato l'apertura concessa alle tifoserie. L'occasione, però, non è stata colta: un'attestazione di fiducia che è stata rispedita al mittente".

ULTRAS NAPOLETANI A ROMA TERMINI

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017