Excite

Tre turni di stop a Lavezzi e Rosi: pronta la 'panolada' azzurra

Non ha fatto sconti il Giudice Sportivo Tosel squalificando per 3 turni l'attaccante del Napoli Ezequiel Lavezzi e il difensore della Roma Aleandro Rosi. I due calciatori sono stati puniti dopo il battibecco durante il match di sabato sera tra Roma e Napoli in cui si sono reciprocamente sputati. Il calciatore giallorosso dovrà scontare 4 turni totali di stop visto che era anche diffidato.

Rosi e Lavezzi: il VIDEO dello scambio di sputi

Mano pesante dunque per i due calciatori Lavezzi e Rosi come chiarito dalla nota ufficiale: 'Le immagini televisive documentano che, nelle circostanze segnalate, il calciatore giallo-rosso, nel cerchio di centro campo e ben lontano dall’azione in svolgimento in altra zona del campo, si avvicinava al calciatore partenopeo, che gli volgeva parzialmente le spalle, e da una distanza di circa un metro, con palese gestualità, gli indirizzava uno sputo, che veniva immediatamente 'ricambiato'. Tale duplice biasimevole gesto non veniva visto dall'Arbitro e, pertanto, nessun provvedimento disciplinare veniva adottato. Le immagini acquisite non consentono di determinare con assoluta certezza in che misura ed in quale zona del corpo (presumibilmente il collo di Lavezzi ed il volto di Rosi) gli sputi abbiano effettivamente colpito il loro rispettivo destinatario, ma tale circostanza è ininfluente ai fini della valutazione disciplinare. Infatti, per costante orientamento interpretativo degli Organi di giustizia sportiva, lo sputo deve considerarsi a tutti gli effetti una 'condotta violenta', i cui estremi possono essere integrati anche se il deprecabile intento non abbia raggiunto l'obiettivo. E l'accentuata antisportività di tali condotte rende ininfluenti le motivazioni adducibili dall’uno edall’altro dei protagonisti. Ne consegue l'ammissibilità ex art. 35, n. 1.3 CGS della 'prova televisiva' e la sanzionabilità ex art. 19, n. 4 lettera b) CGS delle condotte segnalate, che, appare equo quantificare nei termini indicati nel dispositivo'.

Questa dunque la spiegazione della squalifica che viene poi annunciata con queste parole: 'In relazione alla segnalazione del Procuratore federale, di sanzionare i calciatori Rosi Aleandro (Soc. Roma) e Lavezzi Ezequiel Ivan (Soc. Napoli) con la squalifica per tre giornate effettive di gara'. Immediata la reazione del Napoli che pubblica sul proprio sito ufficiale il comunicato in cui si legge che 'la Società azzurra presenterà reclamo avverso alla sentenza'.

Chiaro anche il commento di Guido Baldari, capo ufficio stampa del Napoli, intervenuto nel corso della trasmissione radiofonica 'Marte Sport Live': 'Le teorie che sta portando avanti in Napoli nel ricorso sono confermate da tutti gli esperti presenti nelle maggiori trasmissioni sportive. Per applicare la prova tv, c'è bisogno di immagini chiare ed inequivocabili. Ero sul campo, non ho visto lo sputo di Lavezzi - spiega Baldari - Il gesto potrebbe essere stato anche solo mimato dal giocatore argentino. Mi sembra strano che Bergonzi abbia punito proprio i due colpevoli dello sputo tra i ventidue giocatori che partecipavano al parapiglia. Se la prova tv non dimostra inequivocabilmente che Lavezzi si sia reso colpevole dello sputo, non può esserci una sanzione'.

Veementi proteste da parte dei tifosi napoletani che attraverso il web fanno sentire la propria voce annunciando la 'panolada' di fazzoletti bianchi per domenica. In particolare sul sito azzurro www.tuttonapoli.net si pensa di replicare dunque polemicamente alla squalifica del 'Pocho' invitando tutti i tifosi azzurri a manifestare il proprio disappunto: 'Al di là del gesto del 'Pocho' che deve essere stigmatizzato, chiediamo di far sentire forte la voce di Napoli contro l'ennesima ingiustizia - sentenzia il portale - Il Napoli è pronto nel ricorso e noi ci auguriamo che possa esser vinto ma la città intera deve essere chiamata a raccolta così come i suoi sei milioni di tifosi nel mondo'.

Dure sanzioni sono arrivate dal Giudice Sportivo anche per il Lecce che si è vista squalificare l'allenatore De Canio e il centrocampista Guillermo Giacomazzi per aver offeso l'arbitro a gara conclusa. Un turno di stop infine per altri 14 giocatori di Serie A: Federico Balzaretti (Palermo), Hugo Armando Campagnaro (Napoli), Jedaias Neves, Gustavo Schiavolin e Ruben Olivera (Lecce), Marco Cassetti e Daniele De Rossi (Roma), Davide Mandelli e Gennaro Sardo (Chievo), Thiago Motta (Inter), Marco Parolo (Cesena), Alexis Sanchez (Udinese).

 (foto © LaPresse)

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017