Excite

Sorteggio Mondiali, per l'Italia un girone di ferro, Prandelli: "Mi preoccupa il clima"

  • Getty Images

Il presentimento di Cesare Prandelli, che aveva criticato i cambi nel regolamento del sorteggio dei gironi per i prossimi Mondiali, era giusto. L’Italia è terminata in quello che si può definire certamente il girone più difficile dei Mondiali di Calcio del 2014 in Brasile. Gli azzurri di Prandelli dovranno incontrare l’Uruguay, l’Inghilterra e la Costarica.

Due avversari sono arci noti. L’Uruguay, a dispetto della qualificazione ottenuta solo agli spareggi, è da anni la seconda forza del Sud America. La celeste guidata da Cavani e Suarez, una delle coppie gol più forti del Mondiale, è campione sudamericano in carica e testa di serie numero uno del girone D. Un avversario che si è arreso agli azzurri solo ai calci di rigore nella scorsa Confederations Cup. E’ l’ultimo incontro del girone e si spera di trovare le due squadre già qualificate.

L’Inghilterra di Roy Hodgson tecnicamente è un gradino sotto gli azzurri ed i sudamericani ma storicamente è una nazionale che crea sempre più di un problema agli azzurri. E’ la gara di apertura del nostro Mondiale e presenta mille insidie. Di sicuro i leoni britannici non lasceranno nulla d’intentato per superare il turno. Un avversario da prendere con le molle.

Chiude il raggruppamento la Costarica che sulla carta dovrebbe fare da agnello sacrificale. La squadra centramericana, però, è stata sempre protagonista di ottime gare ai Mondiali e potrebbe trovarsi a suo agio nel rovente clima brasiliano.

Prandelli è stato di poche parole. Il commissario tecnico italiano sembra temere più il clima che gli avversari, “Non siamo preoccupati. Sarei stato preoccupato da un girone facile, almeno secondo i media. Un girone difficile come questo ci troverà preparati. Le condizioni ambientali invece mi preoccupano. Noi forse abbiamo un leggero vantaggio perchè abbiamo fatto la Confederations Cup in Brasile”.

Ancora più scontato il commento di Hogdson, “Le partite non si vincono sulla carta, ma si giocano sempre 11 contro 11. Se ci prepareremo bene, avremo la possibilità di vincere tutte e tre le partite”.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019