Excite

Serie B inizio posticipato per caso calcioscommesse e cambio nome: "Si chiamerà Lega B"

  • Getty Images
L'inizio del campionato di serie B slitta di due settimane. L'anticipo della prima giornata del calendario si disputerà nel fine settimana del 4 settembre. La decisione è stata annunciata dal presidente di Lega, Andrea Abodi, in seguito allo scandalo del calcioscommesse che ha investito il Catania. Ma la stagione 2015-2016 presenta un'altra novità, il cambio di nome del torneo: da serie B a Lega B.

Lo scandalo calcioscommesse che ha coinvolto il Catania

"Si chiamerà Lega nazionale professionisti B. Vi pregherei di chiamarla Lega B", ha affermato Abodi. "Dopo il passo indietro di Compass sulla denominazione, stiamo cercando di trovare una soluzione per lo sponsor del campionato. Cercheremo di rivalerci perché avevamo un contratto di tre anni più due. Entro la fine di luglio ci sarà la nuova denominazione del campionato. Il termine Serie stava diventando un limite", ha aggiunto il numero uno della Lega di B.

Al di là della denominazione, l'aspetto importante riguarda lo slittamento di due settimane della prima giornata campionato, necessario per fare chiarezza. Sarà inevitabile però l'aggiunta di ulteriori turni infrasettimanali. "Mantenendo la sosta e il boxino day siamo in grado di rispettare la fine del campionato fissato il 20 maggio e e la sosta fra andata e ritorno. L'assemblea valuterà in seguito come distribuire i turni infrasettimanali in più", ha sottolineato Abodi, ricordando anche che a breve ci sarà il ripescaggio per il posto liberato dal Parma (dopo il fallimento ripartirà dalla serie D): "La Federazione provvederà col ripescaggio secondo i criteri e i tempi già comunicati, per cui entro fine mese avremo la 22esima squadra".

Infine Andrea Abodi ha ribadito la volontà di allontanare i disonesti dal calcio: "Dobbiamo tutelare la stragrande maggioranza delle società, dei calciatori, dei dirigenti che hanno giocato onestamente a calcio e ci deve essere invece intransigenza verso chi delinque, che va espulso dal sistema". Perciò il numero uno della federazione ha evidenziato che "è fondamentale far emergere tutti i fatti e valutarli con la massima attenzione, dare la certezza che alla fine di questo percorso quello che sarà deciso sarà il giusto. Non è importante fare presto ma fare bene e restituire la credibilità che questi fatti hanno fatto perdere in parte, fare in modo che il tifo non perda la fiducia".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017