Excite

Serie A, il punto: 'Pazzo' avvicina il Milan, Cavani da 30 e lode

 di Valerio D'Epifanio

La lotta scudetto entra ufficialmente nel vivo: mancano 8 turni al termine e ancora 24 punti a disposizione per vincere il campionato di Serie A 2010-2011 che sta continuando a riservare innumerevoli sorprese. Partiamo al termine della 30° giornata analizzando la crisi del Milan che dopo aver conquistato un punto in due giornate si vede pericolosamente avvicinata da Inter e Napoli che incalzano al 2° e 3° posto in classifica. Abbiamo dunque proposto un sondaggio che include le prime 7 squadre del campionato di Serie A per capire quali sono le preferenze dei nostri lettori sulla compagine che vincerà a maggio il campionato.

Scudetto 2011, per chi tifi? Vota il nostro SONDAGGIO!

Inutile dire come il calo e la squalifica di Zlatan Ibrahimovic abbiano influito negativamente sul Milan che ora si ritrova solamente due punti di vantaggio dall'Inter e tre dal Napoli che potrebbe approfittare dello scontro diretto nel derby in programma sabato 2 aprile alle 20,45 per scalare altre posizioni. La squadra rossonera senza i gol dello svedese fa grande fatica considerando anche l'insufficiente condizione fisica di Antonio Cassano, la grande discontinuità di Pato e il netto calo anche del brasiliano Robinho. Il rendimento in casa del Milan va migliorato se si vuole vincere il campionato perchè in 15 gare ne ha vinte 9, pareggiate 4 e perse 2. Opposta la situazione dell'Inter che con l'avvento del nuovo tecnico Leonardo ha compiuto una rimonta davvero incredibile portandosi ora a -2 dalla capolista con lo scontro diretto in programma tra due settimane: l'attacco nerazzurro continua a convincere nonostante lo striminzito 1-0 con cui l'Inter ha battuto il Lecce. Sono ben 56 le reti totali della squadra nerazzurra che ha il miglior attacco insieme alla rivelazione Udinese di cui parleremo tra poco.

Serie A, 30° giornata: risultati e classifica

Eto'o non può fare il marziano ma vista l'indisponibilità di Milito ci pensa Giampaolo Pazzini che si conferma re della ripresa avendo segnato 6 reti con la maglia dell'Inter tutte nel secondo tempo. Decisivo anche il portiere brasiliano Julio Cesar che in campionato continua a regalare prodezze fondamentali salvando la porta nerazzurra diversamente da quanto fatto vedere in Champions contro il Bayern Monaco. La legge del San Paolo si abbatte anche sul Cagliari dell'ex Donadoni con il 'Matador' Edinson Cavani che realizza una doppietta e sale a 22 reti in campionato a -3 dal capocannoniere Di Natale. Il Napoli si porta a +14 rispetto alla stagione 2009-2010 e conferma di poter lottare fino alla fine per lo scudetto. Decima vittoria casalinga sulle 15 totali (oltre ai 3 pareggi e le 2 sconfitte), terza miglior difesa del campionato con 27 gol subiti (dietro alla Lazio con 25 e al Milan con 22).

Guarda le immagini più belle della 30° giornata di Serie A

L'Udinese continua a sfruttare la scia magica salendo ad un incredibile +26 rispetto all'anno scorso e agganciando l'Inter come miglior attacco del campionato a 56 reti totali: copertina obbligatoria per il capocannoniere della Serie A Antonio Di Natale che sale a 25 reti in campionato. La squadra friulana si trova ora a +2 dalla Lazio e +6 dalla Roma. La formazione biancoceleste vince l'11° gara stagionale in casa mantenendo la seconda miglior difesa del campionato e riscattando dunque il derby capitolino perso la scorsa settimana. Reja continua a pagare la differenza di rendimento tra casa e trasferta: 36 i punti conquistati in casa mentre sono solo 18 (quindi la metà) quelli raccolti in trasferta dove pesano le 6 sconfitte in 14 partite totali.

Francesco Totti è ufficialmente tornato ai suoi livelli e l'ha fatto nel miglior modo possibile raggiungendo quota 201 gol segnati in Serie A con la doppietta realizzata in casa della Fiorentina: sfatato così uno degli ultimi tabù del capitano giallorosso che in carriera ancora non aveva mai segnato a Firenze. La Roma di Montella impatta 2-2 con la Fiorentina rallentando la corsa verso la Champions League che dista ora 6 punti. Pesa molto il -9 della formazione giallorossa rispetto alla scorsa stagione in cui la Roma stava lottando con l'Inter per lo scudetto perso solo nelle giornate finali. Si riscatta la Juventus di Delneri che si conferma con 23 reti subite la peggior difesa in casa della Serie A ma batte il Brescia ritrovando due pezzi da novanta come Milos Krasic che sigla la 6° rete in campionato e capitan Alessandro Del Piero (5° centro stagionale) che risolleva i bianconeri portandoli a -5 dall'Europa League in attesa della grande sfida Roma-Juventus in programma domenica 3 aprile alle 20,45 allo stadio Olimpico.

Nelle zone basse della classifica salutiamo il Bari che ad 8 gare dal termine abbandona anche l'ultima residua speranza di riaprire la corsa per salvarsi perdendo in casa contro il Chievo mentre terribile è la crisi della Sampdoria che si trova attualmente al quint'ultimo posto in classifica a soli tre punti di vantaggio dal Lecce che attualmente sarebbe retrocesso in Serie B. La formazione blucerchiata subisce la 6° sconfitta casalinga dell'anno ritrovandosi a -16 rispetto all'anno passato. Citazione doverosa per il Bologna di Malesani che grazie al 18° gol stagionale dell'ex genoano Marco Di Vaio porta a casa un punto raggiungendo quota 40 e dunque salvandosi (quasi matematicamente) con 8 gare d'anticipo.

 (foto © LaPresse)

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017