Excite

Serie A, il punto: Di Natale il re, Milan Ibra-dipendente

 di Valerio D'Epifanio

I sogni di rimonta della nuova Inter targata Leonardo si infrangono (per ora) sul muro dell'Udinese di Guidolin che continua ad incantare con il suo gioco e i suoi gioielli in forma straordinaria. Copertina d'obbligo per il capocannoniere del campionato di Serie A 2010/2011 Antonio Di Natale che, dopo le 29 reti dello scorso anno, aveva cominciato la stagione in debito d'ossigeno per poi ricominciare a segnare con una continuità impressionante: 15 reti realizzate in 21 gare di campionato per un totale di 99 gol in 212 partite con la maglia dell'Udinese. Ad un passo quindi dal traguardo delle 100 reti con la società friulana.

Serie A, 21° giornata: risultati e classifica

Decisivo sicuramente quanto Di Natale lo è quest'anno lo svedese Zlatan Ibrahimovic che sta letteralmente trascinando il Milan in testa alla classifica con le sue perle ormai da ogni posizione. Sono 12 i gol siglati in campionato che hanno permesso alla squadra di Allegri di guardare tutti dall'alto verso il basso. Servirà trovare però un partner degno del campione ex Barcellona ed Inter visti i continui cambi in attacco dove Robinho, Cassano e Pato compongono insieme allo svedese un poker d'assi da fare invidia a tutto il mondo calcistico.

Guarda le immagini più belle della 21° giornata di Serie A

Diversa la situazione dell'Inter dove Leonardo è incappato nel primo ko della sua gestione: la poca scelta in attacco è palese e preoccupante. Urgente una soluzione immediata nel mercato di gennaio per dare una valida alternativa al tandem titolare Eto'o-Milito con il camerunense che quest'anno sta facendo vedere realmente il campione ammirato già ai tempi del Barcellona.

Problema turn-over in via di risoluzione invece alla Roma di Ranieri dove i malumori di queste settimane sembrano pian piano allontanarsi grazie agli ottimi risultati che sta ottenendo la squadra che ora insegue la capolista Milan a -6 dopo essersi qualificata in Coppa Italia ai quarti di finale vincendo il derby contro la Lazio di Reja. Totti sta ritrovando lo smalto dei tempi migliori, Menez continua ad essere fondamentale tra le linee, Borriello è il punto di riferimento offensivo della manovra giallorossa con un Vucinic che, pur giocando un pò meno, è spesso fondamentale anche a gara in corso.

Grandissimo lavoro anche quello svolto fin qui dal tecnico del Napoli Walter Mazzarri che sta disputando un'eccellente stagione trascinato dai colpi del tandem Lavezzi-Cavani, con quest'ultimo già a 14 reti in campionato ed esploso proprio quest'anno nel nuovo ruolo di centravanti azzurro. Il secondo posto in classifica è un risultato di prestigio da provare a mantenere ma se pur arrivasse 'soltanto' una qualificazione in Champions League sarebbe un traguardo storico per il nuovo Napoli di De Laurentiis.

Continua a faticare la Juventus di Delneri che, falcidiata dagli infortuni specialmente in attacco, sta trovando grandi difficoltà nell'imporsi con un Krasic in netto calo rispetto alle prime giornate di campionato e un Amauri decisamente al di sotto di tutte le aspettative. Con Quagliarella out fino al termine della stagione e il neo acquisto Luca Toni fuori per un mese, è necessario l'ingaggio di una punta di livello per poter sperare di tornare in corsa scudetto.

Nelle zone basse della classifica da segnalare la straordinaria stagione del Bologna di Alberto Malesani che, nonostante i punti di penalizzazione (3, ndr) e i gravi problemi societari, sta conquistando punti fondamentali in chiave salvezza grazie alla prolificità indiscutibile di capitan Marco Di Vaio, autore fin qui di 13 reti. Difficile invece la situazione del Bari di Ventura che, dopo una serie infinita di infortuni, sta recuperando quasi tutti i giocatori e con l'innesto a gennaio di Glik, Okaka e Rudolf proverà a conquistare una salvezza che, ad oggi, dista ben sei punti.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018