Excite

Scandalo scommesse: Doni e l'Atalanta rischiano grosso

  • Foto:
  • ©LaPresse

La posizione dell'Atalanta e del suo capitano Cristiano Doni comincia a farsi sempre più preoccupante dopo le parole rilasciate alla procura di Cremona da parte dell'ex calciatore Parlato, del commercialista Francesco Giannone e del medico-dentista Marco Pirani che hanno spiegato dettagliatamente i particolari sul match Atalanta-Piacenza, terminato poi 3-0.

Nessuno dei tre personaggi coivolti ha però avuto rapporti diretti con il capitano dell'Atalanta Cristiano Doni ma soltanto con Antonio Santoni, preparatore dei portieri del Ravenna, amico del giocatore nerazzurro. Dieci giorni fa infatti proprio davanti al gip di Cremona Guido Salvini, Parlato non ha avuto dubbi nel dichiarare, come si legge sul sito ufficiale della Gazzetta dello Sport: 'Paga, l'Atalanta paga, prendo dei soldi'.

Incalzato sulla propria situazione sempre più delicata Parlato aveva poi ammesso: 'In contanti. Circa una quarantina. Cercatemi di capire anche! Cercate di capirmi, non è che non voglio parlare, ho parlato fino adesso, però alcune domande magari aspetto che anche lei mi dice. Da chi riceve i soldi Santoni non lo so, non lo so veramente perché io, però li prendo più o meno al casello di Modena, mi sembra, il giorno stesso della partita'. Parole chiare quelle pronunciate anche dal commercialista Gianfranco Giannone: 'Dalle informazioni che potevo avere, che in sostanza Atalanta-Piacenza era già una partita fatta. L'avevano già stabilita. Doni è uno che nell'ambiente si sa, che è uno che gioca; gioca pesante e quant'altro. Quindi, la partita di fatto l'aveva fatta lui. L'idea che mi ero fatto io infatti era questa qua: che probabilmente l'Atalanta aveva parlato chiaramente con qualcuno del Piacenza e nel caso specifico credo con Gervasoni (calciatore del Piacenza, ndr)'.

Un approfondimento senza possibilità di dubbi quello reso da Giannone che ha aggiunto: 'Doni scommette, sì la partita era già fatta perché avevano già giocato più di 500 mila euro su una partita che mediamente a quell'ora si giocano 200 euro'. Non smentisce ma anzi fornisce la stessa versione dei fatti anche il medico-dentista Pirani: 'Di Doni, ecco, da quello che posso sapere io nel mondo del calcio io non è che conosco solo Giorgio Buffone nel mondo del calcio, ne conosco tantissimi di giocatori. Doni è uno che fa partite non a livello di Paoloni, ma quando c'è da fare una partita o le società, o le squadre avversarie o i giocatori si rivolgono a lui'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017