Excite

Repubblica Ceca-Italia 0-0, Buffon para tutto, Balotelli espulso

  • Getty Images

L’ultimo incontro dell’Italia di Cesare Prandelli prima della trasferta brasiliana per la Confederations Cup è valido per la qualificazione ai Mondiali del 2014. Gli azzurri rendono visita alla Repubblica Ceca che è in piena ricostruzione. Una vittoria di Buffon e compagni aprirebbe le porte della qualificazione con largo anticipo.

Prandelli opta per un 4 3 1 2 con il tridente offensivo del Milan a menare le danze. Montolivo giostra alle spalle di Balotelli ed El Shaarawy. L’unico che non appartiene al blocco Juventus-Milan è Daniele De Rossi. Nella Repubblica Ceca le facce note sono pochine. C’è Cech in porta, con Plasil e Rosicky a sostegno del laziale Kozak.

Fin dalle prime battute si capisce che l’Italia non è in serata. I cechi arrivano da tutte le parti e la fase difensiva progettata da Prandelli va in bambola. I limiti tecnici dei padroni di casa e la bravura di Gigi Buffon tengono in partita gli azzurri. Il portiere della Juventus è decisivo in uscita su Jiracek in quella che sarà la parata più difficile della serata. La prima mezzora è un inferno con Rosicky e Kozak che fanno il bello e il cattivo tempo.

Nella ripresa le cose non cambiano. L’Italia non arriva praticamente mai dalle parti di Cech. Prandelli è costretto a sostituire El Shaarawy che ormai è diventato un oggetto misterioso. Kozak sfiora il gol del vantaggio al sessantesimo con un tiraccio dal limite che impegna Buffon. Al minuto settantadue ci si mette anche Balotelli a complicare le cose. L’attaccante del Milan si fa espellere per doppia ammonizione a causa di due falli in pochi minuti, evitabili.

L’assalto finale della Repubblica Ceca produce il palo del solito Jiracek che in scivolata colpisce in pieno il legno alla destra di Buffon. Prandelli dovrà tirare fuori qualcosa di diverso per fare bella figura alla Confederations Cup e rivitalizzare El Shaarawy che ora come ora non incide sull’attacco del Milan e della nazionale.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019