Excite

Ranieri-Juve, resa dei conti

Si prospetta una guerra a colpi di carte bollate tra Claudio Ranieri e la Juventus. Il club bianconero, infatti, non sarebbe intenzionato a versare la buonuscita nelle casse dell'allenatore romano,fresco di esonero, ma che vanta un contratto in scadenza a giugno 2010.

La cifra in gioco si aggirerebbe intorno ai 3 milioni di euro. Ranieri in sostanza pretende la facoltà di sedersi su un'altra panchina, pur ricevendo dalla Juventus l'intero stipendio della prossima stagione sottoforma di buonuscita. Diversa l'interpretazione data al contratto dal club: Esonero è sinonimo di "sollevamento dall'incarico", non equivale, dunque, a licenziamento: Ovvero, se ti paghiamo, non hai il diritto di lavorare per altre società.

L’accordo sottoscritto nel giugno 2007, quando Ranieri si legò alla Juve, prevede che, in caso di rescissione, al tecnico vada corrisposta una penale equivalente allo stipendio dell’anno successivo e l’istantanea interruzione del rapporto di lavoro. Il rapporto si è chiuso lunedì, esonero per la Juve, licenziamento secondo Ranieri, e subito è arrivato il primo scontro tra Blanc e l'allenatore. Le due parti cercheranno una mediazione, in caso contrario, a dirimere la vicenda dovrà pensarci un giudice del lavoro.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017