Excite

Mourinho: "Zeman? Chi è? Cercherò su Google!"

  • Infophoto

L'estate, si sa, è la stagione più difficile per i giornalisti. Le news scarseggiano, la domanda di informazione subisce una contrazione ed i poveri professionisti della penna sono costretti a riparare su esami di maturità, crisi, grande caldo ed un ever green: l'esodo.

Non ne parliamo poi dei poveri giornalisti sportivi. Il calciomercato regala, al netto della Juventus, pochi lampi, l'Europeo non è entrato ancora nel clou. Fortuna che in soccorso arrivano sempre i vecchi amici, José Mourinho per esempio.

Il tecnico del Real Madrid stavolta ha attaccato Zdenek Zeman, un altro di quelli non abituato a farsi passare la mosca sotto al naso, reo di aver bollato come assai poco spettacolare la Sua Inter del magico Triplete.

"Tutte le squadre" ha dichiarato il nuovo allenatore della Roma in una intervista rilasciata a France Football "puntano soprattutto a non far giocare l'avversario, non hanno una idea propria di gioco. L'Inter nel 2010 ed il Chelsea quest'anno hanno vinto le rispettive Champion's così. A questa tendenza sfuggono solo il Barcellona di Guardiola e la nazionale spagnola".

"Non c'è stata una evoluzione" ha proseguito "e sono stato sorpreso perché mi aspettavo che ci fossero allenatori interessati a prendere strade diverse. I tecnici italiani? Bravi a difendere, a fermare l'avversario e le sue fonti di gioco".

Come se non bastasse, alle critiche verso chi non la pensa come lui in fatto di schemi e geometrie pallonare, Zeman è andato pure a sminuire il ruolo dell'allenatore, importante sì, ma..: "senza una società alle spalle forte è difficile vincere. E' da vedere se certi allenatori che in grandi piazze raccolgono titoli, farebbero lo stesso in piccole città".

Davvero troppo per un permalosone come lo special one che, intervistato sull'argomento, ha risposto alla sua maniera, cioè muriatica. "Zeman non lo conosco. Chi è? Sono in vacanza, approfitterò per cercare su Google il suo nome e sapere chi è".

Un po' la stessa quantità di acido riservata nel 2010 a Lo Monaco, allora Ad del Catania: "Chi è? Io conosco il Gp di Monaco, il Bayern di Monaco...ma questo Lo Monaco non so proprio chi sia, se vuole farsi pubblicità attraverso me mi deve pagare".

Insomma, i presupposti perché la polemica continui ci sono tutti. E' una speranza più che altro. Perché, in fondo, in fondo l'estate passa meglio se trascorsa con i vecchi amici.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018