Excite

Parma in crisi: stipendi non pagati e rischio retrocessione, l'addio di Cassano?

  • Getty Images

Talvolta si dice che le cattive notizie non vengano mai sole, gli ultimi sei mesi del Parma dimostrano che anche il calcio non fa eccezione. Era la sera del 18 maggio 2014, soltanto sei mesi fa, quando allo Stadio Tardini la vittoria contro il Livorno regalava alla società emiliana l'accesso all'Europa League. Una serata magnifica, grande festa ed euforia alle stelle per un traguardo inimmaginabile ad inizio stagione, un ritorno in Europa quanto mai meritato dopo un percorso splendido, per di più nell'anno del centenario. Tutto bene dunque si pensava: Cassano in ottima forma convocato al Mondiale brasiliano da Prandelli e dirigenza con la testa al mercato per costruire un futuro all'altezza dei sogni di una città intera.

Oggi, però, quei giorni sembrano lontani anni, i sorrisi si sono trasformati in sguardi tirati e dal sogno Europa League si è passati agli incubi della Serie B. Fosse solo questo, sarebbe negativo, preoccupante, ma non disastroso. Il problema vero è che la situazione col passare del tempo non migliora, anzi assume di giorno in giorno contorni e prospettive sempre più allarmanti. L'ultima novità a tal proposito, infatti, giunge direttamente dal sito internet della società emiliana che, con un comunicato, ha annunciato una penalizzazione in classifica nei suoi confronti a causa del mancato pagamento entro i termini degli stipendi. Il club ha, tuttavia, spiegato che il ritardo è dovuto esclusivamente ad un problema nei tempi conseguente al fallimento improvviso della trattativa avviata per la cessione della società.

Al momento, con 6 punti dopo le prime unidici giornate, il Parma è ultimo nella classifica di Serie A. La squadra soffre terribilmente le numerose assenze causate dagli infortuni di alcuni degli artefici del capolavoro realizzato nello scorso campionato. Su tale fronte migliorano le condizioni di Paletta e Cassani che si avvicinano al rientro (seppur i tempi non siano brevi). Situazione diversa, invece, per Biabiany: il francese è fermo da settembre a causa di un'aritmia cardiaca. Il suo caso è valutato quotidianamente, ma per il momento non è possibile fare previsioni sul ritorno all'attività agonistica.

Chi in campo, invece, continua ad esserci con tutta la sua qualità Antonio Cassano. Il suo avvio di stagione è stato assolutamente in controtendenza rispetto a quello dei compagni: cinque gol in dieci partite e la voglia di giocare ancora ad alti livelli. Proprio questo desiderio, assieme all'attuale situazione di classifica e le prospettive di penalizzazione, potrebbero però portarlo lontano dai ducali. Gennaio si avvicina così come la sessione invernale di calciomercato. A Genova in passato ha trovato l'amore, la moglie e la Samp. Col presidente Ferrero ha parlato negli ultimi giorni, con Ghirardi potrebbe parlarci a breve per discutere del suo futuro.

Guarda il video dello sfogo del presidente del Parma Ghirardi dopo l'esclusione dall'Europa League

Proprio il presidente del Parma sembra essere al momento quello più in difficoltà. I fatti di maggio sembrano avergli tolto l'entusiasmo di fare calcio. Lo aveva dichiarato all'indomani dell'ufficialità dell'esclusione dall'Europa League per irregolarità nei pagamenti Irpef per 300 mila euro. La doccia fredda rappresentata dal ritiro della licenza UEFA aveva stupito tutti in città lasciando senza parole gli stessi tifosi. Con loro il presidente, frustrato, ferito, pronto a convocare una conferenza stampa per sfogare la rabbia, rassegnare le dimissioni (poi ritirate) e mettere in vendita la società. Troppo grande la delusione per pensare di ritrovare l'entusiasmo di altri momenti. Neppure la retrocessione in Serie B lo aveva scosso tanto. Quel giorno del 2008, al secondo anno da presidente del Parma, aveva mostrato subito la voglia di reagire promettendo di riportare la squadra in Serie A al più presto. Nove mesi dopo aveva rispettato la promessa. Sei mesi fa, invece, sembra aver perso qualcosa, chissà se riuscirà a ritrovarla. I tifosi lo sperano.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017