Excite

Ortega e Deisler, campioni tristi

Vista dall’esterno quella del calciatore appare come una vita da sogno. Poche responsabilità, milioni a valanga, autografi da firmare, luci dei riflettori spesso ingombranti e dalle quali difendersi. Eppure anche in una categoria così invidiata non mancano le fonti di inquietudine, storie tristi e tormentate come quelle che riguardano Ariel Ortega e l’ex promessa del calcio tedesco Sebastian Deisler.

Il calciatore argentino ex Sampdoria e Parma, oggi 32enne, non riesce a liberarsi da una dipendenza dagli alcolici che lo perseguita dallo scorso anno. Sabato, in una partita amichevole del suo River Plate contro il Racing Club, Ortega aveva anche messo a segno una rete su rigore.
Poi, come riferisce il quotidiano argentino Diario Popular, "una profonda ricaduta nel quadro di uno stato di depressione che ha fatto vivere al calciatore una giornata drammatica e commosso tutto l'organico del River''. Vista la gravita' della situazione, i medici della squadra lo hanno sedato, il centrocampista ha trascorso tutta la giornata di ieri nel letto del suo albergo. Ortega dovrebbe ora sottoporsi ad una cura disintossicante.

Non se la passa meglio l’ormai ex centrocampista del Bayern Monaco Sebastian Deisler che a soli 27 anni ha annunciato l’addio al calcio. "Non ho più fiducia nel mio ginocchio - ha spiegato in una conferenza stampa - è stato un calvario. Non gioco più con allegria e non posso fare le cose a metà, è una cosa che non fa bene a nessuno”.
Deisler è stato tormentato dai gravi infortuni al ginocchio, che non gli hanno consentito di partecipare agli ultimi mondiali, e dai problemi psicologici che lo hanno costretto a due ricoveri per depressione nel novembre 2003 e nell'ottobre 2004.

Per continuare ad apprezzare le gesta dei due calciatori, eccovi due video:

-Deisler, compilation commovente
-Ortega, un "golazo" di qualche anno fa

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017