Excite

Non aveva pagato il pranzo di nozze, Iaquinta vince causa

Un giudice di Pavia ha assolto Vincenzo Iaquinta dall'accusa di non aver pagato il pranzo dinozze. La vicenda risale al 2003. Iaquinta scelse il Castello di Chignolo Po, nel pavese, per il banchetto del suo matrimonio con Arianna Cucinotta. Gli invitati erano 250.

Ma, secondo quanto sostenuto da Iaquinta, solo 130 riuscirono a pranzare: gli altri 120 furono costretti ad andarsene perché non c'era da mangiare per tutti. L'attaccante, dopo aver versato 5mila euro di anticipo, si rifiutò perciò di saldare il conto (16mila euro).

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017