Excite

Napoli-Porto 2-2: Pandev gol, Benitez beffato da cinque minuti di follia

  • Getty Images

Eliminazione amara per il Napoli che sciupa innumerevoli occasioni da gol prima di arrendersi al terribile uno due del Porto che con Ghilas e Quaresma firma una vittoria impensabile per i portoghesi che praticamente non hanno mai messo il naso fuori dalla propria metà campo. E' una partita che fotografa appieno la stagione della squadra di Benitez, bella e sprecona in attacco e fragile, terribilmente fragile, in difesa. E' un peccato perchè i portoghesi erano ampiamente alla portata dei partenopei.

Benitez propone un po' di turnover inserendo Pandev ed Insigne al posto di Callejon ed Hamsik. In avanti c'è Higuain. Lo schema è quello di sempre il 4 2 3 1. I portoghesi si schierano con un 4 5 1 che ha in Varela e Quaresma i due esterni offensivi che appoggiano lo spauracchio Jackson Martinez.

Il Napoli prende in mano la partita fin dai primi minuti di gioco. La prima occasione è per Henrique, schierato terzino destro, che approfitta di un bell'assist di Mertens per presentarsi davanti a Fabiano. Il diagonale del difensore brasiliano esce di pochissimo.

Il bunker dei portoghesi crolla al ventesimo. Ripartenza fulminea del Napoli con Higuain che dipinge un assist di rara bellezza per Pandev che con uno scavetto supera Fabiano. E' il meritato vantaggio per gli uomini di Benitez. Il Napoli non si accontenta e continua ad attaccare.

Poco dopo la mezzora è Mertens ad avere l'occasione giusta ma Fabiano in uscita si supera e riesce a deviare in calcio d'angolo. Il primo sussulto del Porto è su calcio d'angolo. Il colpo di testa di Martinez esce di poco al lato.

L'ultima occasione del primo tempo capita sui piedi di Insigne la cui conclusione termina di pochissimo al lato con Fabiano battuto. L'inizio del secondo tempo configura un vero e proprio assalto alla rete dei portoghesi. Due occasioni su tutte. Insigne, dopo appena cinque minuti, tenta di beffare il portiere con un colpo di testa sottomisura ma Fabiano è insuperabile oltre che fortunato.

Al sessantesimo c'è l'ultimo sussulto del Napoli. Lancio lungo che spezza in due la difesa del Porto e permette ad Higuain di presentarsi a tu per tu con Fabiano. L'argentino si fa ipnotizzare dal portiere ospite e gli spara il pallone letteralmente in bocca.

Non si ha la sensazione che il Porto possa qualificarsi ed invece i portoghesi sono spietati. Verticalizzazione improvvisa per Ghilas che trafigge Reina. Mancano venti minuti, ci sarebbe ancora il tempo per ribaltare il risultato ma dopo cinque minuti Quaresma, che fino a quel momento aveva confermato tutte le impressioni negative del periodo interista, si incunea in area ed in mezzo a quattro difensori fa partire un tiro imparabile che firma l'eliminazione del Napoli.

Nel finale il Napoli si getta all'assalto e riesce a trovare il pareggio con Duvan Zapata che sfrutta una bella azione di Callejon. Il gol rende meno amaro il finale di gara ma non cambia la sostanza del doppio confronto. Il Napoli poteva fare sicuramente di più. Se De Laurentiis vuole una squadra in grado di vincere in Italia ed in Europa deve assolutamente mettere a disposizione di Benitez una rosa qualitativamente migliore.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019