Excite

Mourinho – Lippi, atto secondo

La polemica tra Josè Mourinho e Marcello Lippi continua! Dopo le accuse del ct dell’Inter sul pronostico fatto da Lippi nei confronti della squadra che secondo lui vincerà lo scudetto, la vicenda si arricchisce di un nuovo capitolo, che nasce dalle pagine di Famiglia Cristiana, sulle quali Lippi, avendo già in prgramma un’intervista, è tornato sulla vicenda di ieri.

Leggi le accuse di ieri del ct dell’Inter sul pronostico fatto da Lippi

"Ha caratteristiche importanti che ha manifestato compiutamente: cultura, personalità, carisma. Gli altri hanno meno esperienza, vedi Leonardo e Ferrara, ma altrettanta personalità. Le partite non si vincono negli studi televisivi o davanti ai microfoni, si giocano negli spogliatoi quando si costruisce la squadra", ha detto il ct azzurro, e la replica di Mourinho non si è fatta attendere.

"Lippi ha fatto un pronostico in tv. – ha scritto lo Special One sul sito internet della società nerazzurra - Fabio Capello, in Inghilterra, risponderà con il nome di una squadra alla stessa domanda? E Vicente Del Bosque in Spagna? Non credo, sono troppo intelligenti per farlo. Qualcuno può non essere d'accordo con la mia opinione, nessun problema, ma ribadisco che, secondo me, un ct nazionale non può pronosticare, in maniera così diretta, chi vincerà il campionato''. E ancora: ''Non vorrei perdere altro tempo rispondendo al nostro ct perché lavoro tutti i giorni per la mia società e, sul campo e negli spogliatoi, con la mia squadra. Non passo il mio tempo ad aspettare una partita ogni tanto. Credo di avere il diritto di esprimere un'opinione".

Infine Mou conclude parlando del paragone fatto da Lippi con Ferrara e Leonardo : "Non ho mai parlato di Ferrara e di Leonardo e non ho nulla contro di loro. Quindi non capisco perché Lippi debba parlare di me e di loro facendo dei confronti e dando dei giudizi. Proprio non capisco''.

Intanto da Roma un’altra voce si aggiunge al coro, quello di Luciano Spalletti che si schiera con Lippi, facendo presenta allo Specialone che nemmeno parlare di “zero” tituli sia una cosa molto professionale: ''Quello di Lippi è sembrato un pronostico normale – dice la’allenatore della Roma -, così come ha fatto l'anno scorso indicando l'Inter pretendente alla vittoria finale. Personalmente non la prendo come una mancanza di rispetto. Mancanza di rispetto è quando si disprezzano pubblicamente le capacità professionali di una squadra. E' mancanza di rispetto quando, nel pieno di una competizione, si dice alla Roma 'zero tituli''.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019