Excite

Montella si presenta: 'Non mi sento un traghettatore'

Campione d'Italia nell'anno 2000-2001 dello scudetto targato Fabio Capello, il nuovo tecnico della Roma Vincenzo Montella sa di aver preso in mano la conduzione di una squadra che ha dei problemi da risolvere per non buttar via una stagione che ancora può essere salvata tra Champions League, Campionato e Coppa Italia.

Serve però una sterzata, un cambio repentino di trand rispetto agli ultimi deludenti risultati ottenuti sotto la guida di Claudio Ranieri. Ne è convinto anche l'aeroplanino che vuole ricominciare a volare con la 'sua' Roma: 'Ho accettato con entusiasmo perché allenare la Roma è una grande fortuna. Ci sono giocatori forti che stanno attraversando momento psicologico non idoneo, sono ragazzi sensibili, credo nella loro voglia di rivalsa, per me sarà importante parlare individualmente con ognuno di loro - spiega Montella durante la conferenza stampa di presentazione - Credo molto nelle loro potenzialità umane e tecniche. Ieri ho parlato con Ranieri, che stimo molto, e in precedenza mi aveva dato ottimi consigli per cominciare ad allenare. L'ho chiamato per ringraziarlo. Ma ora voglio farmi da solo un'idea su questa Roma'.

Sarà necessario cambiare qualcosa rispetto alle ultime partite anche se la vicinanza dell'impegno a Bologna impone prudenza: 'In due giorni è difficilissimo impostare un nuovo sistema di gioco. Ora i calciatori hanno bisogno di altro, il tempo è poco e dobbiamo capirci subito. Posso solo dire che secondo me i giocatori che reputo più in forma devono giocare nelle posizioni in cui possono esprimersi al meglio. Altro non dico anche per non dare vantaggi al Bologna. Credo nel gruppo ci sia un blocco psicologico e da questo punto di vista meglio giocare subito e in trasferta'.

Montella ha firmato un contratto fino al termine della stagione in corso e vuole pensare più al presente che al futuro: 'Non mi sento un traghettatore. Al tempo stesso non mi danno fastidio le voci, gli allenatori che si propongono. Per dirla tutta non mi dà fastidio che si parli di Ancelotti, una persona che stimo molto. Poca esperienza? Io credo di avere molte più panchine in serie A di tanti allenatori di serie A, quindi un po’ di esperienza ce l'ho. Domani sarà la prima volta in cui mi siedo in panchina contento. Il mio programma personale di carriera era leggermente diverso, ma ho accettato con sicurezza - chiarisce il nuovo tecnico giallorosso - So a che cosa vado incontro, sono convinto che non si possa avere l'appoggio unanime dei media e dei giocatori anche vincendo tutte le partite. Sul piano puramente tecnico-tattico servirà del tempo, non so quanto, ma basterà poco per invertire la tendenza. Programmi a lungo termine è inutile farne, pensiamo solo a domani con la convinzione di ottenere il massimo'.

Cambierà qualcosa e soprattutto dovrà gestire il complicato turn-over che ha creato in questi mesi più di un malumore all'interno dello spogliatoio giallorosso: 'Un giocatore di alto livello deve essere decisivo anche in mezzora, è la qualità del gioco che conta, non la quantità. È giusto che un calciatore si incazzi, lo facevo sempre anch'io e quando ho smesso di farlo ho anche smesso di giocare. La sua rabbia però deve trasformarsi in spirito di rivalsa, senza venire meno ai suoi doveri di professionista, in campo e negli allenamenti, il rispetto per i ruoli e i compagni non deve mai venire meno. I miei giocatori dovranno soprattutto prepararsi a vincere, che significa anche fare delle rinunce. Sarà inevitabile per me fare delle scelte: io ho in testa un'idea di base ma questo non significa che giocheranno sempre gli stessi. Ho la fortuna di avere una rosa ampia, di alto livello, almeno 16 giocatori da Roma, quindi ho l'imbarazzo della scelta. Ma pesare il minutaggio e accontentare tutti sarà impossibile. Ballottaggio in porta? Il portiere sarà uno, deve essere sicuro di avere il posto. Ho parlato con Doni e Julio Sergio e presto comunicherò loro chi ho scelto'.

Al termine dell'allenamento il tecnico Vincenzo Montella ha convocato per la trasferta di Bologna i seguenti calciatori come riportato sul sito ufficiale della Roma:

  • 1 BOGDAN LOBONT
  • 4 JUAN SILVEIRA DOS SANTOS
  • 5 PHILIPPE MEXES
  • 7 DAVID MARCELO CORTES PIZARRO
  • 9 MIRKO VUCINIC
  • 10 FRANCESCO TOTTI
  • 11 RODRIGO FERRANTE TADDEI
  • 15 SIMONE LORIA
  • 16 DANIELE DE ROSSI
  • 17 JOHN ARNE RIISE
  • 22 MARCO BORRIELLO
  • 23 LEANDRO GRECO
  • 27 JULIO SERGIO BERTAGNOLI
  • 29 NICOLAS ANDRES BURDISSO
  • 30 SIMPLICIO FABIO HENRIQUE
  • 32 DONIEBER ALEXANDER MARANGON (DONI)
  • 33 MATTEO BRIGHI
  • 45 STEFANO PETTINARI
  • 77 MARCO CASSETTI
  • 87 ALEANDRO ROSI
  • 94 JEREMY MENEZ

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018