Excite

Lazio-Juventus 1-1: Buffon espulso, Klose e Keita fermati dai legni. Conte: "Il rosso? Una disgrazia"

  • Getty Images

La Juventus di Antonio Conte dimostra di essere la squadra più forte d’Italia anche quando è costretta, da una buona Lazio, ad interrompere a dodici la striscia di vittorie consecutive in campionato. I bianconeri hanno giocato per oltre un’ora in dieci uomini in seguito all’espulsione di Gigi Buffon per un fallo da ultimo uomo su Klose lanciato a rete. Alla fine il punto conquistato all’Olimpico potrà segnare un riavvicinamento della Roma nei fatti ma non nella sostanza. Questa Juventus è ancora di un altro pianeta calcistico.

Reja schiera la sua Lazio con il 3 4 2 1 con Hernanes e Candreva ai lati di Klose. La Juventus non abbandona il suo collaudatissimo 3 5 2 con Tevez e Llorente bocche da fuoco. Questa volta, a differenza del quarto di finale di Coppa Italia contro la Roma, ci sono tutti i titolari. Che non sia la serata di Buffon si vede già dai primi minuti quando rischia moltissimo sbagliando un controllo che mette la palla sui piedi di Klose che però conclude al lato. Poco dopo il ventesimo c’è il patatrac. Konko mette un pallone in area, Ogbonna lo lascia scivolare verso Buffon non accorgendosi di Klose che anticipa entrambi e va verso la rete sguarnita. Il portiere della nazionale lo atterra, rigore a cui Massa aggiunge anche l’espulsione. Conte la definirà, davanti ai microfoni, una disgrazia.

Il rigore di Candreva è perfetto. La Lazio passa in vantaggio e sembra tutto in discesa. La Lazio, in effetti, controlla bene il match e rischia soltanto su una bella girata di Llorente parata da Berisha. Reja forse commette l’errore di accontentarsi del vantaggio e non prova il raddoppio nonostante la buona serata di Klose ed Hernanes.

Nel secondo tempo il tema tattico non cambia. Candreva manda alle ortiche una buona combinazione tra Klose e Biglia. Dopo due minuti pareggia la Juventus. Lichtsteiner va via sull’out di destra e crossa al centro. Llorente stacca di testa e disegna una parabola che va a morire nell’angolo alto alla destra di Berisha. Un gol da centravanti vero qual è lo spagnolo. La Lazio prova a reagire e alla mezzora sfiora il gol del vantaggio. Klose colpisce di testa a due passi da Storari che di puro istinto si salva con l’aiuto della traversa. L’ultimo brivido è ancora biancoceleste. Klose lancia splendidamente Keita in contropiede. Il giovane attaccante laziale controlla palla e s’inventa un tiro a giro che supera Storari proteso in tuffo e si stampa sul palo.

Ai punti avrebbe meritato la Lazio, una squadra che si è ritrovata soprattutto mentalmente, ma alla fine la Juventus ha visto premiata la sua tenacia e la sua abitudine a non mollare mai.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019