Excite

La calda estate dei disoccupati

La crisi c'è e si vede, i disoccupati nel calcio aumentano di anno in anno. L'analisi stilata, tramite la 'Gazzetta dello Sport', dal segretario dell'AIC, Gianni Grazioli, è impietosa: "Rispetto allo scorso anno sembra che il numero dei disoccupati sia aumentato del 10%.C'è da preoccuparsi, anche se i nostri solitamente si accasano".

E' innegabile però che 171 calciatori senza squadra sono tanti, troppi. Cosa rimane da fare? Allenarsi in gruppo nei vari team allestiti in alcune regioni, come l'Equipe Romagna allenata da Giancarlo Magrini (proprio lui, quello del reality Cervia), che alle sue dipendenze ha 24 giocatori che "pagano 500 euro e hanno una convenzione con un albergo". A Desenzano Romano Mattè guida il Team Veneto, "20 calciatori che pagano 1400 euro per due settimane, ci sono anche gli stranieri.Il ritiro si sta globalizzando ma purtroppo l'età si è abbassata".

Fabrizio Ferraro è a capo dell'Equipe Lombardia, 40 ragazzi allenati da Roberto Galia, ritiro a Cogliate: "Ho dovuto chiamare anche lo psicologo, la situazione è drammatica, ma giocano tante amichevoli e bene, lì ritrovano le motivazioni per crederci e non mollare". Fra i 171 ci sono anche nomi conosciuti, come Michele Ferri, classe '81, ex Cagliari, gli ultimi mesi passati alla Sampdoria: "Sono a Coverciano con l'Aic per allenarmi e fare il primo corso da allenatore, non si sa mai. Dovevo andare a Siena, poi non è successo niente. Ho quasi 100 presenze in serie A, mai un problema. Spesso mi faccio mille domande e non riesco a darmi le risposte. Ma il mio procuratore Damiani dice che troverò un'ottima squadra". La speranza non manca.

 [in collaborazione con Calciomercato.it]

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020