Excite

Juventus-Napoli 2-0. Bianconeri in fuga grazie a Caceres e Pogba

  • Infophoto

Juventus-Napoli è la partita che caratterizza questo inizio di stagione. La Supercoppa di Pechino ha suscitato polemiche e contestazioni per settimane. La vigilia di questo big match di campionato è stata animata da chiacchiere sulle nazionali che francamente si potevano evitare. Bianconeri e azzurri sono in testa al campionato con un bel margine sulle inseguitrici. Sono le due squadre migliori della Serie A. La Juventus si presenta alla sfida con due assenze importanti. Buffon e Vucinic non sono della partita. Alessio, al rientro dopo la squalifica per il calcioscommesse, schiera il classico 3 5 2. Storari tra i pali, Chiellini, Bonucci e Barzagli in difesa. Vidal e Marchisio scortano Andrea Pirlo con Asamoah e Lichtsteiner sulle corsie laterali. In avanti c’è l’ex Quagliarella a far compagnia a Sebastian Giovinco.

Il Napoli di Mazzarri è in formazione tipo tranne che per la sorpresa Gamberini al posto di Aronica. De Sanctis in porta con Campagnaro, Cannavaro e Gamberini a formare la linea difensiva. A centrocampo Inler e Behrami possono contare sull’appoggio di Maggio e Zuniga con Hamsik dietro Cavani e Pandev.

Guarda il video con i gol di Juventus-Napoli

I primi venti minuti non regalano particolari emozioni. La partita la fa la Juventus, in completo nero, ma la squadra di casa non va molto oltre lo sterile possesso palla. L’unica conclusione in porta è di Giovinco dopo due minuti ma De Sanctis non ha problemi a mettere la palla in calcio d’angolo.

Il Napoli arriva dalle parti di Storari per la prima volta dopo ventisei minuti. Cavani batte una punizione dal limite e gira la palla sull’incrocio dei pali. Un brivido corre lungo la schiena dello Juventus Stadium. La partita è intensa ma bruttina. Il gioco è molto spezzettato dai tanti falli tattici con l’arbitro che preferisce fischiare piuttosto che fa scorrere il gioco. L’ultima emozione del primo tempo arriva allo scadere con un tiro di Marchisio poco fuori dall’area. La palla è deviata quel tanto che basta per metterla al lato.

Il secondo tempo comincia con gli stessi ventidue che hanno chiuso la prima frazione di gioco. In casa Juventus si temeva per un infortunio a Bonucci ma il centrale della nazionale è regolarmente al suo posto.

E’ la Juventus a farsi viva per prima al minuto cinquantasei. Asamoah si scatena sull’out sinistro e crossa al centro per Giovinco che controlla bene e tira a giro sul secondo palo. La sfera esce di pochissimo. Dopo quindici minuti della ripresa arriva il primo cambio. Alessio sostituisce un Quagliarella evanescente con Alessandro Matri.

Al ventunesimo è proprio Matri a sprecare una buona occasione. Lancio di cinquanta metri di Pirlo che pesca Matri al di là della difesa partenopea. L’attaccante ex Cagliari, però, non riesce a toccare il pallone in maniera decisiva e De Sanctis smanaccia via il pericolo. Si tratta di episodi sporadici sui quali comunque la Juventus si dimostra più presente del Napoli.

Al minuto settantacinque esce Vidal ed entra Pogba. Il Napoli si fa vedere con un tiro al volo di Cavani che da un paio di metri fuori dall’area della Juventus fa partire un pallone che finisce di poco alto sulla traversa. Nessun pericolo per Storari. Al settantottesimo nella Juventus esce Asamoah, uno dei migliori, ed entra Caceres.

E’ proprio Caceres all’ottantesimo a firmare la giocata decisiva. Calcio d’angolo di Pirlo. Caceres tutto solo al centro dell’area colpisce indisturbato e mette la palla in rete. Nulla può Morgan De Sanctis. Passa un minuto e la Juventus raddoppia. La difesa del Napoli respinge una palla lunga. Pogba è il primo ad arrivare sul pallone e colpisce al volo battendo De Sanctis con un tiro che va a morire nell’angolo basso alla sinistra di De Sanctis. Un uno-due micidiale. Mazzarri toglie Gamberini ed inserisce Insigne ma è troppo tardi per dare una svolta alla partita. Gli azzurri si riversano in attacco ma la Juventus non trema. Sul finire entra Dzemaili in luogo di Behrami.

Juventus-Napoli è stata una partita brutta tra due squadre che si sono annullate. Era uno zero a zero scritto, ma i bianconeri hanno saputo sfruttare al meglio uno dei pochi episodi della gara. Il due a zero è stata una conseguenza ininfluente. Di sicuro queste due squadre lotteranno a lungo per la conquista dello scudetto, ma il Napoli deve dimostrare di avere la personalità della squadra vincente. La Juve ce l’ha.

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017