Excite

Juventus-Chievo 2-0. Quagliarella regala la vittoria ai bianconeri. Parma e Fiorentina pareggiano

  • Infophoto

La Juventus, reduce dall’esordio in Champions League con i campioni d’Europa del Chelsea, si ritrova in campionato per l’impegno casalingo con il Chievo Verona di mister Di Carlo.

Carrera opta per un turnover minimo. Rispetto all’undici abituale c’è Lucio in luogo di Barzagli, Isla a centrocampo al posto di Vidal e soprattutto il giovane Pogba al posto di Andrea Pirlo. Lo schema è il solito 3 5 2. Buffon a difesa dei pali, linea a tre con Lucio, Bonucci e Chiellini. Centrocampo con Marchisio, Isla, Asamoah e Giaccherini ad aiutare Pogba. In attacco il solito Vucinic supportato da Quagliarella promosso dopo la grande prova di Stamford Bridge.

Guarda il video dei goal di Juventus-Chievo

I bianconeri partono di gran carriera ed è proprio Fabio Quagliarella a rendersi pericoloso al decimo con un tiro incrociato che Sorrentino para con grande abilità. Passano cinque minuti ed è Vucinic a liberare il destro dopo una bella azione personale. La palla esce di poco al lato. La Juventus è padrona del centrocampo e dà l’impressione di poter passare da un momento all’altro.

Al ventiseiesimo la Juventus va in goal con lo stesso Vucinic in seguito ad una respinta successiva ad un tiro di Isla. Il Montenegrino è, però, in posizione di fuorigioco e l’arbitro giustamente annulla. Regolarissima la posizione di Giaccherini che dopo un paio di minuti sfiora il vantaggio. Il tiro dell’esterno bianconero trova ancora una volta l’opposizione di Sorrentino sicuramente il migliore dei clivensi.

Il primo tempo finisce senza ulteriori emozioni. La Juventus ha tenuto un ottimo possesso palla ed è arrivata almeno tre volte vicina al goal, ma ha trovato un Sorrentino in serata di grazia.

Dopo sette minuti del secondo tempo Carrera decide di togliere Isla, a corto di fiato, per inserire Vidal e cercare di dare una svolta alla partita. La Juventus continua a premere ma il Chievo è messo meglio in campo e corre rischi solo su un errore di Sorrentino che manca la presa, ma Bonucci non riesce a correggere in rete.

Fiammata della Juve subito dopo il quarto d’ora. Chiellini svetta di testa ma Sorrentino si supera compiendo un vero e proprio miracolo. Sul successivo calcio d’angolo il portierone veneto non può nulla. Fabio Quagliarella si esibisce in uno dei pezzi pregiati del suo repertorio. Una mezza girata al volo che va in rete e regala il meritato vantaggio alla squadra di Carrera.

Il Chievo è stordito e la Juventus è come un predatore che sente l’odore del sangue. Passano cinque minuti ed arriva il raddoppio. E’ ancora Fabio Quagliarella ad andare in goal. L’attaccante napoletano salta Dainelli ed infila Sorrentino in uscita è il tripudio per lo Juventus Stadium e per un calciatore che da troppo tempo aspettava il riscatto personale. Doppietta meritatissima.

La partita è virtualmente chiusa. Carrera dà un po’ di respiro a Marchiso ed inserisce Lichtsteiner. Di Carlo, dopo aver lanciato nella mischia Cruzado prova a risalire la corrente inserendo Moscardelli e Sardo. La Juventus procede al piccolo trotto. Al trentacinquesimo esce tra gli applausi Fabio Quagliarella ed entra il danese Niklas Bendtner.

Non ci sono altre emozioni da raccontare, se si esclude un tiro di Vucinic che sfiora il tre a zero in pieno recupero. La Juventus ha giocato una partita efficace e solida. Quando la squadra bianconera accelera ci sono poche squadre in grado di reggere il passo in Italia. Il Chievo è stato troppo rinunciatario per poter sperare in qualcosa di meglio di una sconfitta di misura.

Nel pomeriggio Parma e Fiorentina hanno pareggiato per 1-1 in una partita bella ed emozionante. Un rigore sbagliato per parte, un palo per parte ed il Parma che raggiunge il pareggio, in dieci uomini, al novantatreesimo ancora su rigore. Il goal per gli emiliani è stato di Valdes e quello dei toscani di Roncaglia che ha indovinato il goal della vita. La Fiorentina di Montella è sicuramente la rivelazione di queste prime quattro giornate di campionato, le manca ancora il cinismo della grande squadra per diventare competitiva per la zona Champions.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019