Excite

Italia-Spagna Under 21 2-4, furie rosse troppo forti, l'Europa è loro

  • Getty Images

L’Italia di Devis Mangia sfida la Spagna di Lopetegui per il titolo di campione d’Europa Under 21. Gli azzurri si affidano al tridente formato da Insigne, Borini e Immobile con Verratti a giostrare a centrocampo. Nella Spagna, imbattuta dal 2009, brillano le stelle di De Gea, Bartra, Tello, Thiago Alcantara, Isco e Morata inseguito dal Napoli proprio in queste ore.

La sfida, sulla carta è piuttosto impari, e bastano sei minuti a capire che non sarà la serata degli azzurrini. Morata su beve la difesa italiana sull’out di sinistra e smista un assist al bacio per la testa di Thiago Alcantara che tutto solo a centro area insacca senza problemi. L’Italia di Mangia, però, è un osso duro da rodere anche per gli spagnoli. Al decimo minuto è Bianchetti a pescare Immobile in profondità. L’attaccante del Genoa controlla splendidamente e batte De Gea in uscita.

La superiorità degli spagnoli nel palleggio è imbarazzante. Morata e Koke mettono a dura prova i riflessi di Bardi che si fa trovare pronto in più di un’occasione. L’Italia risponde solo con una ripartenza di Florenzi che dopo essersi liberato splendidamente conclude troppo centralmente e per De Gea non ci sono problemi.

I sogni dell’Italia si infrangono alla mezzora. Koke pesca Thiago Alcantara tra Caldirola e Reggini. L’attaccante spagnolo controlla e gira a rete. Il tiro non è irresistibile ma a corta distanza diventa imparabile per Bardi che può solo toccare. Passano sette minuti e la partita finisce. Donati stende in area Tello e per l’arbitro è rigore. Sul dischetto c’è Thiago Alcantara che non sbaglia. Finisce così il primo tempo.

Gli azzurrini provano l’ennesima reazione ma il pallino del gioco è sempre in mano agli spagnoli che al sessantacinquesimo calano il poker. Regini si fa saltare da Montoya e lo stende prima che lo spagnolo possa concludere a rete. E’ un rigore più netto del precedente. Sul dischetto va Isco e sono quattro gol. Non bastano, però, tre gol di vantaggio ed una chiara superiorità per fermare l’Italia di Devis Mangia. Insigne scambia con Borini che da fuori area supera De Gea con un bel rasoterra. E’ il quattro a due finale.

L’Italia ha fatto tutto il possibile ma la Spagna è troppo forte. Il nostro calcio, però, sta riducendo le distanze e la prossima finale potrebbe essere quella buona.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020