Excite

Inzaghi-Milan c'è l'accordo: Super Pippo sarà l'allenatore dei rossoneri

  • Getty Images

In tema di elezioni si può dire che è stato Filippo Inzaghi a vincere il ballottaggio per la panchina del Milan. L’ex centravanti di Juventus e Milan sarà l’allenatore dei rossoneri e succederà a Clarence Seedorf che come previsto lascerà la panchina su cui si era seduto in pompa magna soltanto quattro mesi fa.

La scelta, che manca ancora dell’ufficialità, è stata presa al termine di un lunghissimo summit a cui hanno partecipato Silvio Berlusconi, Adriano Galliani e lo stesso Pippo Inzaghi. L’incontro si è svolto ad Arcore e la presenza di Inzaghi ha subito avvalorato l’ipotesi di una scelta imminente. L’unico avversario di Super Pippo era Emery che però aveva annunciato nel pomeriggio di voler rinnovare con il Siviglia recente vincitore dell’Europa League.

Scopri tutto su Filippo Inzaghi nuovo allenatore rossonero

Era da poco passata la mezzanotte quando i protagonisti sono usciti dalla residenza dell’ex Presidente del Consiglio, ma nessuno ha voluto rilasciare dichiarazioni alla stampa. La scelta di Inzaghi rappresenta comunque un rischio sebbene nella continuità di grandi ex giocatori del Milan.

Leggi tutte le news sul Milan

Dal punto di vista del calciomercato la presenza di Inzaghi non sarà assolutamente d’ostacolo all’opera di ringiovanimento messa in atto da Galliani, anzi è probabile che qualche calciatore della primavera, almeno inizialmente, possa aggregarsi alla prima squadra. La scelta di Seedorf, che comunque ha portato a casa trentacinque punti ed ha sfiorato una difficilissima qualificazione europea, era stata di Berlusconi. E’ stato lo stesso presidente rossonero a prendere la decisione di esonerarlo. L’olandese è titolare di un bel contrattone la cui risoluzione non sarà per nulla facile, visti i rapporti non proprio idilliaci con la dirigenza rossonera.

Da oggi, comunque, si apre l’era Inzaghi che sicuramente avrà il pieno appoggio della tifoseria a cui è molto legato. A livello giovanile ha dimostrato di saper vincere e convincere, ma in prima squadra, Stramaccioni docet, è tutt’altra faccenda.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018