Excite

Guidolin arde: 'Carichi come le molle e freddi come i killer'

Domenica pomeriggio alle 15 l'Udinese ha una grande occasione per scavalcare al 4° posto la Lazio che attualmente sarebbe l'ultima squadra qualificata per i preliminari di Champions League. Un appuntamento importante che la formazione friulana ha preparato nei minimi dettagli per non lasciare nulla al caso come spiega in conferenza stampa il tecnico Francesco Guidolin.

Sente la gara così come l'importanza di un momento chiave del campionato a sole tre giornate dalla fine: 'In realtà sono teso come una corda di violino. Abbiamo la coscienza a posto, è stato fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità. Domani daremo battaglia - spiega Guidolin come si legge sul sito ufficiale 'udinese.it' - Siamo certi di esserci meritati questi 90 minuti perché abbiamo inseguito a lungo mostrando un gran bel calcio. Adesso c’è anche la mia personale speranza di conquistare, dopo tanti tentativi, un posto in Champions. Vogliamo dare fondo a tutte le energie rimaste per rivedere quell'Udinese che ha incantato tutta Italia, rimontando dall'ultimo al quarto posto. Questa è una vigilia fatta di poche certezze e tante speranze. Sono convinto che la nostra squadra può far bene e centrare l'obiettivo. Deve rimanere concentratissima, vivere serenamente la vigilia e tirare fuori tutto quello che le è rimasto. La partita di domani è molto importante. Due volte molto'.

Una sfida curata con estrema attenzione con il recupero fondamentale del talento cileno Alexis Sanchez: 'C'è stata cura e attenzione. Si sente qualcosa di diverso nell'aria - chiarisce Guidolin alla vigilia della sfida Champions - Quando una squadra arriva sul terreno di gioco la domenica dev'essere carica, fredda e lucida. Ho fatto notare ai miei giocatori la gente assiepata dietro le recinzioni intenta ad assistere ai nostri allenamenti e le code ai bottegnini dello stadio Friuli. Il calore dei supporters si tocca con mano. Dobbiamo essere carichi come le molle e freddi come i killer. Sanchez? Con il Parma il Nino ha bruciato la benzina molto presto. Aveva una grande voglia di esserci. Siamo una squadra giovane e paghiamo in esperienza. Adesso sta meglio, forse non avrà i 90 minuti nelle gambe, ma è in condizione di far bene. Deve riuscire a gestirsi, nonostante non sia semplice per un ragazzo di 22 anni che salta come un grillo in campo e nello spogliatoio'.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020