Excite

Inter, Cambiasso difende Mou

Questa volta non c'è il solito Josè Mourinho ad incontrare la stampa nella vigilia del match di campionato. Lo sostituisce Esteban Cambiasso chiarisce subito di non voler approfondire la questione legata alla squalifica del tecnico portoghese.

"Nessuno qui ha intenzione di lamentarsi. Il mister ha la sua personalità ed è proprio in funzione di questa personalità che è, allo stesso tempo, amato e odiato da tanti. È ovvio che la sua squalifica faccia notizia perché è un tecnico vincente, che non ha problemi a dire quello che pensa, ma in questi giorni si è parlato molto meno dell'infortunio di Thiago Motta che della squalifica di Mourinho. Il mister questa settimana potrà fare il suo lavoro con noi, Thiago per un po' non potrà dare il suo contributo alla squadra". Inevitabile una domanda su un suo eventuale futuro da allenatore: "Il calcio è l'oggi e oggi offro il mio contributo come calciatore, un domani vedremo. Faccio un po' fatica a immaginare già il futuro. La mia condizione? Ho avuto la sfortuna di dover rientrare in campo in una partita che non si era messa tanto bene per noi ,come quella di Cagliari, ma non posso parlare di percentuali. Ciò che conta è che l'Inter vinca. Quanto possa essere importante io, questo è sempre secondario. L'obiettivo di domani è vincere la partita, non il minutaggio di Cambiasso: io giocherò per quanto la squadra avrà bisogno".

E' iniziata la guerra dell'ex. Samuel Eto'o, stando a quanto si apprende da Catalunya Radio, ha denunciato il Barcellona per inadempienza. Il camerunense sostiene che il club catalano doveva versargli la percentuale del 15% del totale del suo trasferimento all'Inter. Ossia circa 3 milioni di euro. Cifra che il Barcellona non avrebbe ancora sborsato. Inizia la guerra dei Roses?

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020