Excite

Il Chelsea vince la Champions League e scarica Di Matteo e Drogba

  • infophoto

Quella di sabato scorso è stata una vitoria storica per il Chelsea, alla prima Champions League della sua storia.

La squadra inglese è andata vicina al trofeo più volte negli anni scorsi, ma solo quest'anno è arrivata alla conquista della Coppa nella stagione più controversa, solo 3 mesi dopo una probabile e preannunciata stagione fallimentare, all'indomani della debacle dell'ex allenatore André Villas-Boas e la sconfitta a Napoli per 3-1 nella partita d'andata di Champions League.

Ma l'arrivo di Di Matteo ha portato la squadra dagli abissi alla stagione più trionfale dei 107 anni di storia del Chelsea, battendo il Napoli 4-1 a Londra, ed eliminando il Napoli agli ottavi, il Benfica ai quarti, i campioni del Barcellona in semifinale, e trionfando contro il Bayern Monaco in finale ai rigori, dopo aver pareggiato il gol di Muller con un imperioso colpo di testa del solito Drogba, l'uomo delle finali, con 9 gol in altrettanti finali.

E' senza ombra di dubbio la vittoria di Di Matteo, artefice di un trionfo inimmagginabile solo 3 mesi fa.
E stata anche la vittoria di Cech, portiere formidabile (che ha parato due rigori finali e il rigore a Robben) e del trascinatore Drogba, determinante a suon di gol in tutte le partite più importanti.

Ma subito dopo la festa di 100.000 londinesi, Di Matteo e Drogba sono essere entrambi sul piede di partenza.

Nonostante siano arrivate due coppe: la Fa Cup e la Champions League, Abramovich non esclude l'arrivo di un allenatore dal calibro internazionale, come Fabio Capello e Laurent Blanc.

L'arrivo di un nuovo tecnico è ammesso anche dal presidente del Chelsea, Bruce Buck: "E’ certamente nella rosa dei possibili allenatori per la prossima stagione. Ha fatto un lavoro straordinario e verrà sicuramente tenuto in considerazione perché è riuscito a tirare fuori il meglio dalla squadra".

Anche per Drogba si prospetta un futuro lontano da Londra.
A 34 anni, Drogba chiede un biennale, ma il Chelsea vuole offrirgli un contratto di un anno.
L'ivoriano, dopo 8 anni al Chelsea, sta pensando di andare a giocare a Shanghai, in Cina, dove raggiungerebbe il vecchio amico, Nicolas Anelka.

Le decisioni di Abramovich contratsano con i protagonisti del successo europeo, anche in considerazione del fatto che per arrivre sul tetto d'Europa, il magnate russo ha speso ben 2,5 miliardi di euro.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017