Excite

Ibrahimovic: "All'Inter manca un Moggi"

"Moggi? Una persona precisa. Manca uno così all'Inter". Fa discutere l'intervista rilasciata al quotidiano 'Libero' da Zlatan Ibrahimovic, l'attaccante svedese dell'Inter neo campione d'Italia.

Molti i punti toccati dalla stella nerazzurra, a cominciare dal suo contratto: "Mi piacerebbe che per il mio rinnovo ci fosse la stessa decisione che c'è stata la scorsa estate. Alla Juventus per certe cose erano più decisi. Con Moggi tutto era preciso e stabilito. Del resto la Juve era una squadra abituata a stare ai vertici. La Juve 2005/2006 aveva qualcosa in più dell'Inter attuale. Se uno giocava male gli latri lo tiravano sù. Qui capita il contrario: chi gioca male trascina gli altri. E poi una grande squadra non può permettersi di prendere sei gol in una partita".

Nell'intervista Ibrahimovic ha poi affrontato anche il discorso legato al calciomercato estivo: "C'è bisogno di gente di spessore che ci faccia fare il salto di qualità. Chivu? Non me lo farei scappare".
Infine stoccata finale al suo attuale presidente, Massimo Moratti: "Quando sono arrivato all'inter avevo detto a Moratti di prendere 'uno con la mentalità di Luciano'. Per fortuna abbiamo vinto lo stesso...".

Ovviamente il patron nerazzurro non ha preso bene le esternazioni di Zlatan e pare sia intenzionato a multarlo pesantemente (si vocifera più di 50.000 euro).
Anche perché, pare, l’intervista non sarebbe stata autorizzata.

Ibrahimovic e il suo procuratore da un mesetto circa hanno cominciato a battere cassa, spinti dalle sirene spagnole e inglesi. Real, Chelsea e Manchester sarebbero pronti a fargli ponti d’oro (cinque anni di contratto a 7,5 milioni a stagione) pur di poter beneficiare delle giocate del campione svedere.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017