Excite

I convocati della Nazionale di Conte: Quagliarella per Osvaldo, Ogbonna al posto di Paletta

  • Getty Images

Piccoli correttivi alla rosa dei convocati di Antonio Conte, in vista del duplice impegno della Nazionale chiamata a debuttare nelle qualificazioni per gli Europei 2016 con l’antipasto dell’amichevole di lusso contro l’Olanda.

Antonio Conte in azzurro, entusiasmo per la nuova avventura alla guida della Nazionale

Giovedì 4 settembre la sfida con gli Orange, all’insegna del grande calcio, biglietto da visita per il tecnico azzurro e i suoi ragazzi che dovranno collaudare i nuovi schemi preparati in allenamento sotto la direzione dell’ex colonna della Juventus dei record.

In attacco, dopo l’infortunio del neointerista Pablo Daniel Osvaldo, ci sarà spazio per il giallorosso Fabio Quagliarella, vecchia conoscenza dell’allenatore pugliese e ripescato in extremis come seconda scelta per il reparto offensivo.

Altro rincalzo scelto per il doppio appuntamento con le partite della rappresentativa azzurra, il difensore juventino Ogbonna, aggiunto al gruppo dei convocati in seguito allo stop del centrale parmense Gabriel Paletta, bloccato da una fastidiosa lombo sciatalgia all’indomani dell’arrivo nel ritiro della Nazionale.

(La Nazionale agli ordini di Conte a Coverciano in vista della doppia sfida di settembre)

Da verificare poi le condizioni fisiche di Giorgio Chiellini, vittima di un piccolo infortunio che potrebbe sfociare nella mancata partecipazione alla sfida con la Norvegia di martedì prossimo a Oslo. Giustificato il ritardo del centravanti della Roma Mattia Destro, aggregatosi ai compagni soltanto oggi per via delle nozze appena celebrate con la moglie Ludovica Caramis.

Sempre sul fronte avanzato, rimane aperto l’interrogativo sull’esclusione a sorpresa di Balotelli, secondo alcuni commentatori decisa temporaneamente in attesa di un “collaudo” di Super Mario nella Premier League inlgese ma ad avviso di non pochi addetti ai lavori frutto di una ferma volontà del Mister di cambiare registro nella gestione dei candidati a una maglia in azzurro.

Outsider come Simone Zaza e “pupilli” della prima ora del coach come Emanuele Giaccherini e Sebastian Giovinco avranno in questi giorni un’importante chance per conquistarsi un posto nella nuova Italia, ma la strada per la ricostruzione della Nazionale è ancora lunga oltre che disseminata di ostacoli.

Il compito del commissario tecnico entrante si annuncia tutt’altro che semplice, anche se i pieni poteri affidati al successore di Cesare Prandelli dal presidente della Figc Carlo Tavecchio e la voglia di riscatto dell’ambiente sono fattori che almeno per un po’ di tempo garantiranno ad Antonio Conte terreno fertile per iniziare il lavoro in azzurro col piede giusto.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019