Excite

I 50 anni di Diego Armando Maradona in video

Diego Armando Maradona e i suoi 50 anni. Esistenza intensa di un genio. In questi video proviamo a ricostruire passo dopo passo la burrascosa vita del numero 10 per eccellenza. Dagli straordinari successi alle incredibile cadute inframmezzate da impronosticabili risalite. Coppe del mondo vinte e sfiorate, i trionfi dell'era partenopea, le rivincite calcistiche e sociali con Argentina e Napoli, cocaina e gastrectomia per un corpo che fagocita e mescola cibo, stupefacenti e vita, le amicizie con Fidel Castro e Chavez, la panchina della Seleccion. Diego Armando Maradona.

LANUS - Maradona nasce a Villa Fiorito, 'villa de emergencia' all'interno di Lanus, sobborgo di Buenos Aires, il 30 ottobre 1960. 'Eravamo così poveri che non ci potevamo permettere un pallone, così giocavo ocn un'arancia', racconterà Diego. Muove i primi passi da calciatore nelle 'cebolittas', . Nomignolo affibiato agli appartenenti del vivaio dell'Argentinos Juniors. E' anche grazie a Diego che le 'cipolline' entrano nella leggenda con 136 partite senza sconfitte. L'esordio nella squadra maggiore è del 1976. Disputerà 166 partite mnettendo a segno 116 gol.

L'INFANZIA
ARGENTINOS JRS

BOCA JRS - Nel 1981 Maradona rifiuta il River accettando di trasferirsi al Boca Juniors, squadra del cuore di papà Diego. Ha 21 anni ed è già una star affermata del calcio mondiale. Segna 28 gol in 40 partite trascinando la squadra alla conquista del campionato di Apertura. Le big mondiali lo seguono. Un anno dopo sarà il Barcellona a portarlo in Europa, pagando il corrispettivo di 12 miliardi delle vecchie lire, un'autentica manna per le esauste casse del Boca. Intanto dispuat il primo mondiale, proprio in Spagna. L'Argentina è eliminata dall'Italia, che si aggiudicherà il titolo, al secondo turno. L'arcigna marcatura di gentileai danni del pibe de oro farà storia. In blaugrana Diego vivrà poche soddisfazioni. 2 anni codniti da poche vittorie (una coppa del re e due supercope) un infortunio, causato da un'entrata killer di Goicoetxea, difensore dell'Atletico Bilbao e un'epatite virale.

BOCA JRS
BARCELLONA

NAPOLI - Diego vuole andare via da Barcellona. Il rapporto con la società si è incrinato. Dall'Italia si fa avanti il Napoli. In pochi credono che un club di medio cabotaggio, fuori uscito per altro da una stagione che l'aveva visto evitare la serie B per pochi punti, riesca ad acquistare quello che universalmente è già considerato il più forte calciatore delmondo. Andrà proprio così. Ferlaino e il d.s. Juliano compiono ilmiracolo. Maradona è del Napoli per 12 miliardi di lire, cifrà che farà storcere tanti benpensanti dell'epoca. Con lamaglia azzurra Maradona conquisterà 2 scudetti, una coppa uefa, uan coppa Italia e una supercoppa italiana. Nel frattempo con l'Argentina conquista una coppa del mondo (1986, quando realizza un gol all'Inghilterra che entrerà nella storia) perdendo quella successiva, disputata in Italia, al termine di una discussa finale contro la Germania. L'avventura in Italia terminerà nel marzo 1991. Dopo un Napoli-Bari Diego è positivo ad un controllo antidoping, cocaina. Gli verrà inflitta una squalifica di 15 mesi, al temrine della quale si trasferirà di nuovo in Spoagna, stavolta al Siviglia. Ma siamo al canto del cigno di una incredibile carriera.

NAPOLI
ARGENTINA/1

ARGENTINA/2
SIVIGLIA

Dopo la parentesi al Siviglia, Maradona torna in patria. Al Newell's Old Boys. I mondiali di Usa '94 segnano un duro colpo. L'ennesimo. Iniziato il torneo benissimo, Maradona incespicò nuovamente nell'antidoping. Dopo un cotnrollo effettuato al termine della partita vinta 4-0 contro la Grecia, gli viene riscontrata la positività all'efedrina. Diego si è sempre difeso affermando che quella sostanza era contenuta in una bibita, la Ripped Fuel, consentita dalla Fifa, ma che nella versione statunitense contiene Efedrina. 'Mi avete usato per rendere questo mondiale interessante, per poi farmi fuori alla prima occasione', furono le parole con cui Maradona accusò i vertici calcistici. Diego concludera la carriera nel '97, dopo due anni trascorsi nel Boca Juniors. Poi la crisi. I problemidi droga, l'obesità, le crisi cardiache che per due voltelo conduconoa dun passod alla morte. Poi la rinascita, fino alla panchina dell' Argentina in occasione dei mondiali sudafricani, giunti al termine di una turbolenta fase eliminatoria.

USA '94
CT DELL'ARGENTINA

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018