Excite

Giovinco: "Sbagliato giocare"

Per Sebastian Giovinco sarebbe stato giusto rinviare la giornata di campionato, in segno di rispetto verso le vittime del terremoto che ha devastato l'Abruzzo. Queste le parole del giovane fantasista bianconero, rilasciate a "Juventus Channel": "Secondo me non si dovrebbe giocare. Ma è la prima volta che mi capita una situazione del genere e non posso dire cosa sia giusto o no. Se segno non esulto, ma dedico il gol all'Abruzzo. Da quando è successo questo dramma, non si è parlato d'altro tra noi calciatori quindi assicuro che noi come squadra, gruppo e società siamo molto vicini alle persone colpite dal terremoto. Poi si sta cercando di fare qualcosa di concreto, per dare un contributo utile ed essere ancora più vicini all'Abruzzo. Ci stiamo muovendo. Possiamo solo cercare di stare il più possibile vicino a queste persone. Se è stato deciso di giocare, dobbiamo farlo. Sono decisioni prese dall'alto".

Parlando di calcio giocato, Giovinco si è mostrato ancora fiducioso circa le possibilità tricolore dei bianconeri: "Dopo il pareggio col Chievo, sono rimasto deluso perché abbiamo perso una bella occasione per vincere e restare vicini all'Inter. Ma non solo per lo scudetto, stavamo attraversando un buon momento ed era importante fare bene. Nello spogliatoio non ci siamo detti niente. Eravamo arrabbiati, amareggiati e delusi. Però è bello anche continuare a sognare. Non si sa mai nella vita. Mai dire mai. Fino a quando non c'è la certezza aritmetica è giusto continuare a sperare". Speranza che non dovrà infrangersi contro lo scoglio costituito dal Genoa: "Sicuramente sarà un sfida bella. Noi siamo secondi, loro quarti c'è una bella atmosfera. Il Ferraris, poi, è uno stadio all'inglese, è molto bello. Sarà una partita difficile, ma dobbiamo andare lì per vincere, anche perche' non possiamo più sbagliare. Penso che il Genoa arriverà quarto lo stesso, è in ottima condizione".

 [in collaborazione con Calciomercato.it]

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018