Excite

Giorgio Chinaglia e la Lazio: stasera a "Sfide", la leggenda di 'Long John'

  • Getty Images

Si parlerà di Giorgio Chinaglia e della sua Lazio degli anni '70 questa sera nella 4° puntata di "Sfide" condotta da Alex Zanardi, con la voce narrante di Simona Ercolani: dalla promozione in serie A al trionfale scudetto del 1974, dall'esperienza nei Cosmos New York fino alle ultime vicende in tribunale, prima della sua tragica morte.

Il titolo della puntata è "Chinaglia, calcio e pistole" e racconterà le gesta di Chinaglia dentro e fuori del campo, intrecciate con quelle di altri calciatori bianco-celesti dal carattere difficile dell'epoca, come Pino Wilson, Luigi Martini, Luciano Re Cecconi.
Alcuni di loro avevano una pistola in dotazione, divisi fuori ma uniti in campo. Erano calciatori dal temperamento difficile, guidati da Tommaso Maestrelli, allenatore e padre di quella Lazio.

Alex Zanardi, conduce 'Sfide': intervista esclusiva per Excite.it

Giorgio Chinaglia è stato il calciatore simbolo di quella Lazio ed un grande esponente della Nazionale italiana degli anni '70. Celebre fu il suo gesto di stizza ai Mondiali del '74, rivolto al ct Ferruccio Valcareggi.
Con i biancocelesti, Chinaglia vinse lo scudetto del 1974, dopo aver perso quello precedente nell'ultima di campionato.

Nel 1976 si trasferì ai New York Cosmos dove giocò insieme a stelle del calibro di Pelè, Johan Cruyff, Franz Beckenbauer, Carlos Alberto, diventando il miglior marcatore della storia della North American Soccer League, con 193 gol in 213 partite.

Dopo 5 anni tornò alla Lazio come presidente.
Da anni viveva in Florida fino alla tragica morte dello scorso 1° aprile, pochi mesi dopo l'emissione nei suoi confronti di un mandato di arresto per riciclaggio con l’aggravante mafiosa, accusato di forti irregolarità nella scalata per l’acquisto della Lazio (insieme ad esponenti della camorra legata ai casalesi).

Ne sapremo di più, stasera!

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018