Excite

Gilardino alla Fiorentina, dalla Cina con amore: il ritorno del bomber a 3 anni dall’addio ai viola

  • Twitter @GoalItalia

La breve e non esaltante esperienza in Cina, nel club del Guangzhou, volge al termine per il trentaduenne bomber Alberto Gilardino, richiamato dalla Fiorentina dopo la dolorosa separazione del 2012 dai colori viola.

Europa League, gli impegni delle italiane in Coppa: i calendari dopo il sorteggio

La corte spietata dei Della Valle al centravanti piemontese, amatissimo goleador protagonista di un paio di stagioni memorabili col club toscano, ha colpito nel segno e il rifiuto da parte del diretto interessato di una proposta allettante avanzata da Giulini per un posto da titolare al Cagliari altro non era che un indizio del ritorno al Franchi di Gila.

Tante le società fino a ieri sulle tracce dell’attaccante di Biella, quasi tutte italiane e di discreto spessore, ma il peso le sirene del vecchio amore alla fine si è rivelato decisivo, nonostante la presenza nella rosa della Fiorentina di un certo Mario Gomez, panzer tedesco finora rimasto soltanto sulla carta il top player accolto con grandi speranze dai tifosi per l’atteso salto di qualità della squadra di Montella.

(Doppietta di Alberto Gilardino nelle fila del Guangzhou: prodezze del bomber in Cina)

Nel 4-3-3 schierato abitualmente dal Mister viola, Alberto Gilardino si collocherà idealmente come terminale offensivo, in alternativa al centrattacco titolare, del modulo variabile formalmente basato su tre punte di ruolo e altrettanti centrocampisti, alcuni dei quali chiamati alla costruzione della manovra in velocità.

Proprio le altalenanti se non impalpabili prestazioni finora garantite dal deludente Gomez, oltre alla spinta di un ambiente ideale in grado di fornire stimoli altrove introvabili, sono evidentemente i motivi principali del richiamo “alla base” dell’esperto Gilardino, armato delle migliori intenzioni per questa nuova esperienza alla Fiorentina.

A giorni il primo allenamento ufficiale nelle vesti di giocatore della squadra di Vincenzo Montella, poi un a dir poco emozionante battesimo sotto la Fiesole del cavallo (di razza) di ritorno nelle fila dei viola.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020