Excite

Roma-Empoli, rigore inventato qualifica i giallorossi: sfottò social su Garcia e "mafia Capitale"

La Roma si qualifica per i quarti di finale di Tim Cup, una volta Coppa Italia, battendo per 2-1 un buonissimo e meno quotato Empoli soltanto ai supplementari, e con un rigore a dir poco generoso (se non inventato) concesso dall'arbitro Di Bello per un intervento di Zielinski su Paredes, e realizzato da De Rossi.

Tante sono state le polemiche scatenate dal fischio decisivo, che persino il romanissimo 'Corriere dello Sport' oggi ha dovuto titolare: "L'arbitro salva la Roma". A fine partita, scontata la rabbia dell'allenatore dei toscani, Maurizio Sarri, che non ha voluto commentare direttamente l'episodio, dicendo solo che anche due calciatori giallorossi avevano ammesso l'inesistenza del penalty, e lasciandosi scappare semplicemente: "I miei giocatori hanno avuto molto coraggio, ma qualcuno ne ha avuto molto di più"

L'ira di Sarri è stata poi lievemente accentuata dalle parole del mister romanista Rudi Garcia, che ha preferito passare sopra la decisione affermando di voler parlare solo di calcio, e sottolineando solo come Di Bello fosse "a 5 metri" e bisogna quindi "avere fiducia di quello che ha visto". L'accaduto ha naturalmente scatenato i social network, tra chi paragona ormai i giallorossi alla Juventus per numero di favori arbitrali avuti, e chi contesta ai romanisti di parlare di arbitri solo in caso di torti subiti.

(Fonte foto: Twitter)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020