Excite

Finale coppa del Re, censurati fischi all'inno

Barcellona e Atletico Bilbao, Catalogna da una parte, Paesi Baschi dall'altra. Anime indipendentiste che si affrontano per la finale di coppa del Re, con Juan Carlos in tribuna e l'inno da ascoltare prima dell'inizio della partita. Con premesse del genere, i rischi che qualcosa andasse storto erano piuttosto alti, ma se i "buu" e i fischi alla "Marcha Real" erano stati annunciati da giorni dalla stampa iberica, del tutto inaspettato è stato il ciclone che ha coinvolto l'emittente Tve.

La tv spagnola è salita sul banco degli imputati per aver censurato l'inno, e i conseguenti fischi da parte di entrambe le tifoserie. Poco prima dell'inizio di Barcellona-Atletico, l'emittente ha infatti "lasciato" il Mestalla di Valencia per collegarsi con Bilbao e Barcellona per raccontare le emozioni di entrambe le tifoserie. L'inno è stato trasmesso in differita, tra il primo e ils econdo tempo, e con il frastuono dei fischi coperto.

Tve si è successivamente scusata con i telespettatori, dopo averlo fatto nel corso della diretta, attraverso un comunicato stampa: "Per un errore umano l’inno nazionale prima della partita del Mestalla fra Athletic e Barcellona non è stato trasmesso in diretta", recita la nota dell’emittente spagnola "Si è tentato di riparare all’errore riproducendo integralmente l’inno durante l’intervallo. La direzione della TVE si scusa per l’inconveniente". La versione, però, non ha convinto nessuno, le polemiche sono infuriate, costringendo il presidente della tv, Javier Pons a convocare una conferenza stampa. Intanto la vicenda è costata cara al responsabile della redazione sportiva, Julian Reyes, che è stato licenziato.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017