Excite

Europei 2012: Andrea Barzagli infortunato. Criscito al suo posto?

  • infophoto

Barzagli rischia di abbandonare gli Europei di calcio, che partiranno fra 3 giorni.

Il difensore si è procurato uno stiramento al polpaccio sinistro nell'amichevole giocata contro la Russia lo scorso week-end.
Barzagli partirà per la Polonia, e salterà sicuramente le 3 partite del girone. Sulla sua eventuale sostituzione, si deciderà venerdì prossimo quando sarà rivalutato il suo caso e le sue condizioni fisiche.

Prandelli difende Buffon e annuncia: 'Se serve, rinunciamo all'Europeo'

Lo stop sarà di 20 giorni. Lo ha annunciato ol professor Castellacci, medico della Nazionale italiana.

A 5 giorni dal debutto contro la Spagna, per la Nazionale italina, l'infortunio del difensore bianconero rappresenta una vera e propria tegola in testa, vsito che Barzagli aveva appena giocato il miglior campionato della sua carriera e rappresentava l'ancora di salvezza della nostra difesa.

L'Italia si avvrrrà della facoltà di sostituzione fino a 24 ore dall'esordio contro la Spagna.

Quanto all'eventuale sosituto, non convince Andrea Ranocchia, incluso nella prima lista dei 32, reduce da una brutta stagione con l'inter.
Vici insistenti parlano anche di un forte interessamento per il cagliaritano Davide Astori.

E a sorpresa ritorna in corsa Domenico Criscito, il difensore genoano escluso dalla Nazionale dopo lo scandalo calcioscommesse.
E' lo stesso Criscito che reclama il ritorno in Nazionale, forte di una promessa fatta dal ct Prandelli: "Il giorno in cui mi comunicarono la decisione, il ct, davanti ad Albertini, mi disse che mi avrebbe chiamato se uno dei 23 si fosse infortunato".

Domenico Criscito spiega alla Gazzetta dello Sport: "Innanzitutto voglio dire che faccio il tifo per Barzagli, ma quando mi comunicarono la decisione mi fu fatta una promessa. 'Se si infortuna qualcuno, anche un attaccante, quel posto sarà tuo'. A dirmelo è stato Prandelli, e con lui c'era anche Albertini".

Ma Demetrio Albertini, vicepresidente federale e capodelegazione all'Europeo, non torna indietro sulle sue decisioni: "Ero presente al congedo di Criscito. Prandelli gli ha detto che se fosse stato ascoltato, se fosse caduto il suo stato di indagato, se gli fosse stato tolto l'avviso di garanzia e, laddove si fosse fatto male qualcuno, allora sarebbe stato il primo a essere considerato. Ma le cose non sono cambiate. Quindi non avrebbe senso cambiare una decisione presa e motivata".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019