Excite

Errori arbitrali, la Juve scrive a Figc e Aia

I rigori negati nel match contro la Reggina e il penalty concesso al 92’ agli amaranto (guarda le foto) hanno scatenato la rabbia della Juventus. I bianconeri si sono rivolti con una lettera, pubblicata sul sito ufficiale della società, ai vertici di Figc e Aia.

> Leggi i risultati e guarda tutte le immagini della 24a giornata

“Nel corso di questo e del precedente campionato - scrive il club piemontese - la Juventus ha sempre cercato di attenuare le tensioni nei confronti del mondo arbitrale, evitando di trascendere in polemiche animose e accettando con fair play decisioni anche controverse. Un atteggiamento che, purtroppo, alla luce dei fatti di Reggio Calabria deve essere riconsiderato. Ancora una volta, nel corso di questa stagione, la Juventus è stata danneggiata in modo irreversibile dalle decisioni del direttore di gara. Il ripetersi di episodi così gravi impone di richiedere un intervento dei massimi organismi federali a garanzia della regolarità del campionato e a tutela dell'impegno e della professionalità dei giocatori, dei tecnici, dei dirigenti della Juventus. La Federcalcio ha il dovere di vigilare sul rispetto delle regole e di garantire la lealtà della competizione sportiva, messa in discussione dall'inadeguatezza di parte della classe arbitrale. Alcune decisioni dei direttori di gara stanno confermando un dubbio sollevato da più parti: e cioè, che nei confronti della Juventus non vi sia un atteggiamento sereno e adeguato alla serietà con la quale la Società e la squadra affrontano i propri impegni. Quel che è certo è che la Juventus non può continuare a pagare colpe per le quali ha già scontato una pena estremamente severa e dalla quale si sta risollevando anche grazie alla passione dei propri tifosi, che legittimamente chiedono rispetto. Oggi, in una fase decisiva del campionato e in prossimità di decisioni strategiche per il futuro finanziario della Società, la Juventus richiede che la Federcalcio prenda provvedimenti immediati ed efficaci per sanare una situazione gravemente compromessa. Bisogna ritrovare fiducia nella classe arbitrale e ridare slancio al calcio italiano. Un mondo che si basa sulla passione, sull'impegno ma anche su competenze e professionalità che non possono essere frustrate da una componente che si ostina a chiudersi alle novità e a reagire con irritazione alle critiche”.

La risposta di Gussoni, presidente dell’Aia, non si è fatta attendere: “La lettera? Mi rifiuto di commentarla - dice il capo degli arbitri ai microfoni del Tg1 -. Consiglio a tutti di non prendere mai decisioni a caldo”

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017