Excite

Cori razzisti, Mensah si fa espellere

Il difensore del Lione John Mensah, un passato con le maglie di Bologna, Genoa, Cremonese, Chievo Verona e Modena, è stato vittimadi alcuni cori razzisti durante la gara Lione-Le Havre.

Dopo un primo tempo da incubo, in cui un tifoso presente in tribuna lo ha tempestato di frasi razziste, il calciatore non voleva rientrare in campo. A convincerlo è stato l'allenatore, Claude Puel. Quando però, nel corso del secondo tempo, la faccenda si è ripetuta, Mensah ha scelto una strada clamorosa per farsi giustizia: si è fatto ammonire due volte ed è stato espulso.

La polizia ha arrestato un uomo di 21 anni. Martedì l’uomo, l’identità non è stata rivelata, è stato rilasciato. Rischia una condanna di 6 mesi di carcere, una multa di 22.500 euro e 3 anni d’interdizione dagli stadi.

Per Mensah si è trattato del secondo episodio razzista di cui è vittima da quando è a Lione. Nel settembre scorso fu fermato e minacciato con una pistola da alcuni poliziotti che poi lo condussero in carcere dove tarscorse un'intera notte.

"Giocavo come esterno destro" ha commentato Mensah alla Gazzetta dello Sport "E nel primo tempo mi sono ritrovato sul lato dove erano sistemati i tifosi avversari. Ho giocato due anni a Rennes e non è success niente di grave, A Lione ho vissuto queste due brutte esperienze. In Italia non mi era mai accaduto".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017