Excite

Coppa Italia Primavera: sarà Roma-Fiorentina la finalissima

La Roma Primavera di Alberto De Rossi si qualifica per la finale della Coppa Italia Primavera, competizione calcistica disputata tra le formazioni giovanili delle squadre appartenenti alla Lega Serie A, iscritte anche al Campionato Primavera. Le 42 formazioni totali si affrontano quindi in gare di andata e ritorno ad eliminazione diretta dove c'è un turno preliminare, poi primo e secondo turno eliminatorio ed infine ottavi, quarti, semifinali e finale. Traguardo prestigioso raggiunto quindi dalla formazione giallorossa che elimina l'Inter allenata da Fulvio Pea e raggiunge così la Fiorentina di Renato Buso che nella giornata di ieri aveva strappato il pass a discapito del Milan.

Ecco il tabellino del match:

ROMA-INTER 0-0

ROMA (4-2-3-1): 1 Pigliacelli; 2 Sabelli, 5 Mladen, 4 Antei, 3 Frascatore; 8 Florenzi, 6 Viviani; 7 Pettinari, 10 Ciciretti (90' Falasca), 11 Dieme (74' Caprari); 9 Montini. All.: De Rossi. A disp.: 12 Proietti, 13 Barba, 14 Orchi, 16 Politano, 18 Leonardi.
INTER (4-3-3): 1 Bardi; 2 Faraoni, 4 Benedetti, 5 Kjsela, 3 Biraghi; 7 Carlsen, 8 Crisetig, 6 Jirasek (55' Thiam); 11 Knasmullner (55' Tallo), 9 Dell'Agnello (68' Romano), 10 Alibec. All.: Pea. A disp.: 12 Cincilla, 13 Mannini, 14 Natalino, 16 Lussardi.
ARBITRO: Sig. Di Paolo di Avezzano.
AMMONITI: Florenzi (R), Alibec (I).

Dopo il sucesso per 2-1 nella semifinale d'andata la formazione giallorossa si gioca il match di ritorno in modo molto accorto lasciando spazio soltanto a qualche ripartenza da parte dei nerazzurri. De Rossi decide di lasciare inizialmente in panchina Leonardi e Caprari dando fiducia dal 1' minuto a Pettinari (tornato da poco dal prestito al Siena) e Montini. L'Inter rinuncia a Natalino e Mannini in difesa con il capitano Alibec ad ispirare la manovra nerazzurra che punta molto sull'ariete d'attacco Simone Dell'Agnello.

Nel primo tempo qualche buona iniziativa nerazzurra grazie alla classe di Denis Alibec che però non viene trasformata in rete con l'attaccante rumeno poco freddo nel battere Pigliacelli all'interno dell'area di rigore. Episodio dubbio con un presunto tocco di mano in area nerazzurra su cui il direttore di gara Di Pasquale di Avezzano decide di lasciar correre. Nella ripresa il tecnico dell'Inter Pea decide di cambiare qualcosa e tentare il tutto per tutto dovendo realizzare ben due reti visto il successo giallorosso per 2-1 nel match d'andata a Milano ma gli ingressi di Thiam e Tallo non danno i frutti sperati. La Roma nel finale sfiora la rete del vantaggio con capitan Alessandro Florenzi ma termina 0-0 al 'Fulvio Bernardini' di Trigoria.

La Roma, dopo aver vinto già in 3 occasioni il trofeo, tenterà di ripetersi contro la Fiorentina di Renato Buso nelle due sfide andata e ritorno che ci saranno il 16 marzo a Firenze e il 30 marzo nel ritorno a Roma. Ora però c'è da pensare al campionato dove la formazione di De Rossi guida il girone C a +2 sui cugini della Lazio: sabato pomeriggio la Roma è in scena in casa del Crotone per continuare a mantenere la vetta della classifica e dare dunque continuità al grande lavoro svolto finora.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017