Excite

Chelsea-Basilea 3-1, Benfica-Fenerbahce 3-1, in finale vanno inglesi e portoghesi

  • Getty Images

La finale dell’Europa League edizione 2012-2013 sarà Chelsea-Benfica. Il Basilea non è riuscito nell’impresa di centrare la finale sul campo dei blues ed il Fenerbahce non è stato capace di difendere il gol di vantaggio maturato nella sfida d’andata in Turchia.

Chelsea-Basilea

Gli svizzeri scendono in campo a Stamford Bridge senza alcun timore reverenziale ed attacca senza sosta consapevole che solo un’impresa potrà dargli la finale di Amsterdam. Il Chelsea, però, è squadra molto esperta ed ogni volta che riparte fa male. Prima Lampard colpisce in pieno il palo e poi Torres si vede negare il gol da una grande parata di Sommer. Nel finale di tempo gli svizzeri gelano il pubblico di casa. Prima reclamano un rigore e poi mettono a tacere le polemiche con un bel gol di Salah.

Il secondo tempo è diametralmente opposto alla prima frazione di gioco. Il Chelsea è molto più determinato e per il Basilea non c’è niente da fare. Passano cinque minuti e Sommer deve esibirsi in una parata difficile su conclusione di Mata. La palla resta nei paraggi della porta ed il primo ad arrivarci è Torres che ribadisce in rete. Passano due minuti e Moses sigla il 2-1 che chiude definitivamente i giochi per il dispiacere di oltre 4000 tifosi svizzeri. Al quarto d’ora arriva il definitivo k.o. di David Luiz che sugli sviluppi di un corner colpisce di sinistro da fuori area ed indovina il gol della vita.

L’ultimo sussulto del Basilea è una traversa colpita da Frei al sessantacinquesimo. Gli svizzeri escono con l’onore delle armi. Per il Chelsea è la seconda finale europea in due anni e per il gruppo di Benitez è un grande risultato.

Benfica-Fenerbahce

Ci si aspettava un Benfica all’attacco ma con giudizio ed invece i portoghesi partono all’assalto ventre a terra. Il bunker dei turchi resiste meno di dieci minuti ed è Gaitan a farlo saltare con una bella conclusione. Il gol non placa i padroni di casa che però si fanno sorprendere al ventiduesimo dalla prima vera azione offensiva degli ospiti. L’arbitro Lennoy fischia un rigore viziato da una nettissima posizione di fuorigioco. Kuyt non si fa impressionare dai fischi del Da Luz e mette in rete il gol del pareggio. Per fortuna del Benfica c’è Cardozo in giornata si che con un bel sinistro dal limite infila in rete il gol del 2-1.

La reazione del Fenerbahce, che comunque andrebbe in finale con la sconfitta di misura, è immediata. E’ sempre Kuyt a sfiorare il gol sprecando a porta quasi vuota. Il secondo tempo è molto nervoso. I turchi addormentano la partita e sembrano vicini alla loro prima finale europea. Cardozo, però, è di avviso diverso ed al minuto sessantasei fa esplodere gli oltre 50.000 spettatori di fede portoghese. Il sinistro è implacabile e la palla finisce in rete per il 3-1 che lancia il Benfica verso la finale di Amsterdam. Gli ospiti non ne hanno più e devono arrendersi ad un passo dal sogno.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019