Excite

Champions League tra gioie e dolori

Spedite tre pedine su quattro agli ottavi di Champions League, il calcio italiano sorride a metà.Inter e Milan promosse all’ultimo respiro in gironi che alla vigilia non lasciavano trasparire tante difficoltà (Proprio contro i rossoneri il modesto Zurigo ha colto i 4 punti racimolati), benissimo la Fiorentina, 5 vittorie su 6 e primo posto sigillato grazie alla storica impresa di Liverpool. Occhio al sorteggio di venerdì 18 dicembre. Mentre i viola potranno disporre di un "ottavo" alla portata (ritorno in casa e come avversari uno tra Bayern Monaco,pericolo numero uno, Porto, Cska Mosca, Stoccarda e Olympiacos) le milanesi, in virtù del secondo posto nel girone, non potranno evitare un turno assai ostico, da scansare Chelsea, Manchester United, Real Madrid (per l’Inter) e Barcellona (per il Milan), più abbordabili Bordeaux, Sivigilia e Arsenal.

Discorso a parte merita la Juventus. Surclassata da un Bayern Monaco poco effervescente in Bundesliga (quarto dietro a Leverkusen, Brema e Shalke), dilaniato da vicende interne (Van Gaal contestato dalla stampa tedesca, Toni fuori rosa) che si è presentato all’Olimpico senza una delle pedine chiave, Ribery, e con l’obbligo di vincere contro una Juve lanciata dalla vittoria in campionato sull’Inter.

Eppure la squadra di Ferrara, 2 risultati su 3 a disposizione, è crollata sotto il peso dei propri difetti strutturali,palesati proprio in una delle partite più importanti della prima fase della stagione. Limiti quasi mai mascherati da un allenatore giovane e una squadra "esperta", o più realisticamente “vecchia” (sette undicesimi dei titolari schierati contro i tedeschi sono già ben oltre la trentina) a cui non sono stati capaci di andare in soccorso i due fenomeni acquistati grazie ad un calciomercato da golden age: Felipe Melo e Diego, una carrettata di milioni destinati alle casse di Fiorentina e Werder che finora non hanno soddisfatto le aspettative.

Ma i dolori del giovane Ferrara (quanto serve seguire la moda del baby tecnico su una panchina da "big"? ) sono la spia di problemi più generali, che vanno a cozzare contro le ambizioni della Nazionale, alla quale questa Juve fornisce gran parte dei propri elementi. Tre quarti della difesa infilata quattro volte dal Bayern Monaco sono nel giro azzurro.Brividi…

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019