Excite

Cassano: "Rimpianto Juve"

Antonio Cassano ripercorre il nastro della sua carriera calcistica in una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport. Nella prima puntata (domani uscirà la seconda), il talento doriano parla di come è rinato a Genova e della sua nuova vita da "bravo e felice uomo". I gol, il gioco e l'intesa con i compagni lo testimoniano e soprattutto la scomparsa dalla scena delle famose 'cassanate' che per anni hanno fatto il giro del Mondo.

LA RINASCITA A GENOVA

- "Mi stavo buttando via, ma l'ho capito in tempo. Se mi chiedeste cosa vorrei di più dalla vita in questo momento, vi risponderei 'Nulla, chi è più felice di me'. Dove sarei potuto arrivare se dalla Roma fossi arrivato direttamente a Genova, con tutto quello che mi hanno dato la Samp e l'ambiente blucerchiato?".

IL REAL MADRID

- Impossibile però rinunciare alla chiamata del Real Madrid: "Mi aveva chiamato la squadra più forte del mondo, dovevo andare al Real. Certo, con il senno di poi è stato un errore, perchè al seguito di quella esperienza sono stato un anno fuori rosa, ma mi sono fortificato come uomo". A Madrid, come a Roma il tecnico era Fabio Capello: "Gliene ho fatte davvero tante, ho chiesto scusa poche volte, ma con lui devo farlo. Mi ha sopportato per quattro anni a Roma e per uno a Madrid: se lo avessi ascoltato anche solo per il trenta per cento...".

IL RIMPIANTO JUVE

- Poi il rimpianto, quasi a sopresa, più grande: "Se fossi andato alla Juve, avrei fatto molto di più, sia a livello calcistico, che di comportamento. Il mio carattere sarebbe rimasto quello, ma tra i bianconeri avrei trovato persone in grado di mettermi in riga, mentre a Roma mi assecondavano in tutto. Che errore!E, in quel modo, avrei vinto qualche scudetto in più. Nella capitale tutto è estremizzato, Roma è passionale. Se vai bene sei Dio, altrimenti sei una merda. Rapporti con il mondo giallorosso non ne ho:ogni volta che vado all'Olimpico i tifosi mi insultano dall'inizio alla fine".

NAZIONALE

- Inevitabile parlare infine di Nazionale: "Vorrei, e sottolineo vorrei, fare parte della Nazionale di Lippi. Non so se per le prossime partite o al Mondiale che verrà, ma voglio impegnarmi per poterci arrivare".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020