Excite

Cassano alla Sampdoria, il video della presentazione: "Se sbaglio vado a casa"

  • Getty Images
Antonio Cassano alla Sampdoria. Dopo tanti anni è rinata un'antica storia d'amore, culminata nella conferenza stampa di presentazione organizzata a pochi giorni dall'inizio del campionato di serie A. Il fantasista, fermo fa gennaio in seguito alla rescissione del contratto con il Parma, ha dimostrato di avere la voglia di tornare protagonista contro ogni pronostico. E convincendo l'allenatore Walter Zenga che non lo avrebbe voluto in blucerchiato.

Leggi come Cassano è tornato alla Sampdoria

"Ferrero ha avverato il mio sogno, anche Romei e Osti hanno fatto molto per me. Prometto: niente cagate", ha subito chiarito Cassano nel corso dell'incontro con i giornalisti. L'attaccante ha voluto ricordare però la persona con cui ha litigato anni fa, arrivando alla rottura con la Sampdoria: "Mi spiace tornare qua senza una persona che ho amato tanto come il presidente Garrone, è l'unica cosa che non rifarei mai ed è stato l'unico vero errore. Spero mi stia sentendo, gli voglio tanto bene".

Leggi anche il ricordo di Cassano nel giorno della morte di Garrone

Cassano ha anche chiarito di non aver avuto alcuni ruolo sul presunto avvicinamento di Mario Balotelli alla Sampdoria. "Io non ho mai sentito Balotelli, questa è una cazzata. Io non faccio il direttore sportivo. Non mi sono mai permesso e non mi permetterò mai. Mi girano le scatole quando qualcuno scrive cose non vere. Sono venuto qua con buoni propositi. Voglio solo giocare a calcio, fare il bene per la Samp", ha scandito l'attaccante durante la conferenza stampa di presentazione. Insomma, se Super Mario approderà il Liguria sarà merito della società, FantAntonio non vuole entrare nel merito delle trattative.

A seguire il video della presentazione di Antonio Cassano alla Sampdoria

Infine Antonio Cassano ha mostrato il desiderio di non rubare la scena. "Sono pronto 10 di testa, a livello fisico sono indietro rispetto agli altri, devo smaltire un po' di panza. Io sono a disposizione dell'allenatore, per la causa Sampdoria. Non è importante quanti minuti dovrò giocare. Non mi piace l'etichetta 'simbolo della Sampdoria'. Ci sono già il presidente e il capitano Angelo Palombo". Ovviamente il pirotecnico presidente Ferrero non ha mancato di far sentire la sua voce: "Sono stato sempre un fan di Cassano. Sono un ragazzo nato dove nasce la Roma e eravamo estasiati quando lui giocava nella Roma. Siamo suoi fan da allora e ora abbiamo la fortuna di essere il suo presidente. Il grande amore, la grande tenacia e il rispetto che questo signore ha avuto e ha per questa maglia è il minimo che potevamo fare riportarlo a casa". Le premesse, dunque, sembrano davvero ottime.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017