Excite

Calcioscommesse, partite truccate: sospetti sul Sassuolo, caccia a parole chiave su 200 computer

  • Twitter @sportnotizie24

Rischia di riesplodere lo scandalo del calcioscommesse nel campionato italiano, mai del tutto chiuso dai tempi di Calciopoli con strascichi giudiziari di vicende passate ancora in corso e nuovi filoni d’inchiesta aperti di recente.

Risultati sospetti in serie A, clamorosa reazione di Gattuso dopo le notizie sull’inchiesta

Nel mirino della magistratura di Cremona, secondo quanto trapelato in queste ore sulla stampa sportiva in rete, potrebbero finire per l’ennesima volta alcuni club di A, in particolare il Sassuolo promosso dalla cadetteria nel 2013 e giunto ora al secondo torneo consecutivo nella massima serie.

L’associazione a delinquere transnazionale con vertice a Singapore, stando alle risultanze dell’inchiesta, avrebbe avuto tra le sue fila decine di affiliati, ragion per cui erano state disposte perizie su circa duecento computer di persone indagate (tra le quali Stefano Mauri, Ivan Tisci, Mauro Bressan, atleta ancora in attività il primo ed ex giocatori gli ultimi due).

Se le indagini sulle attività illecite di rappresentanti delle società sportive di vario livello dovessero arrivare a conclusione con elementi concreti a carico di tesserati e dirigenti delle squadre coinvolte, si tratterebbe di un terremoto non privo di conseguenze sulla “giostra” milionaria del calcio nazionale.

(Scommesse illecite sul campionato di B, il pm di Bari contesta aggravanti agli imputati)

Anche stavolta le indiscrezioni circolate sul web in anteprima e destinate a conquistare le prime pagine dei giornali di sport parlano di combine organizzate da un sodalizio trasversale messo in piedi da personaggi misteriosi e poco raccomandabili, a partire dai leggendari “zingari” già citati in precedenti occasioni come “braccio armato” del sistema scommesse.

Sotto la lente dei giudici vi sono attualmente numerose partite dal risultato sospetto, forse condizionate dagli spostamenti di danaro effettuati online in tempo utile per fare cassa sulla pelle del popolo degli scommettitori italiani.

Perizie informatiche approfondite accerteranno natura e dinamica di tali “strani” movimenti di somme più o meno cospicue orientate sul mercato degli eventi calcistici, incrociandosi coi tabulati delle intercettazioni disposte dal capo della Procura di Cremona Roberto Di Martino sui soggetti indagati.

Oltre a “zingaro”, vi sarebbero ben 18 parole chiave usate da brokers e calciatori affiliati alla rete criminale del calcioscommesse per aggirare i controlli e portare a compimento gli affari illeciti progettati a tavolino: tra queste, spiccano per originalità i termini ovetto, “abbraccio”, “garanzia”, “bolognesi”, ma anche “uovo grande” e uovo piccolo.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019