Excite

Calcioscommesse: Mauri e Milanetto arrestati. Criscito e Conte indagati

  • infophoto

Stamattina è scattata una nuova e massiccia ondata di arresti nel corso dell'indagine di calcioscommesse.

Sono 19 gli arrestati nelle ultime ore.
Fra di essi spuntano due nomi eccellenti. Si tratta di Omar Milanetto, ex calciatore del Genoa ed attualmente al Padova, e di Stefano Mauri, capitano della Lazio, che ha portato la società binco-celeste nello socncerto più totale.

Criscito non va agli Europei: le parole di Albertini (video)

I 19 arrestati raggiunti dalla richiesta di custodia cautelare in carcere firmato da Guido Salvini, sono: Stefano Mauri (Lazio), Omar Milanetto (Padova, ex Genoa); Cristian Bertani (Sampdoria, ex Novara); Paolo Acerbis, portiere del Vicenza; Alessandro Pellicori, ex attaccante del Torino; Marco Turati, difensore del Modena; Matteo Gritti; Ivan Tisci, ex centrocampista.

Nell'inchiesta è ora coinvolto anche uno dei pre-convocati di Cesare Prandelli che in questi giorni è in ritiro con la Nazionale italiana a Coverciano.

Calcioscommesse, Carobbio: 'Conte sapeva'

Gli agenti sono piombati nel centro sportivo di Coverciano (dove si allena la Nazionale in vista degli europei di calcio) per eseguire perquisizioni e consegnare un avviso di garanzia a Domenico Criscito, accusato di associazione a delinquere finalizzata alla frode e alla truffa sportiva.

Calcioscommesse, arrestati 3 ultras del Bari

Gli uomini della Polizia di Stato di Cremona, Brescia, Alessandria, Bologna stanno perquisendo le abitazioni degli esponenti di un' organizzazione transnazionale dedita alla combine di partite di calcio (match fixing, attiva in Italia e all'estero.

Gli indagati e gli arrestati dovranno rispondere dei delitti di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva.
I 19 arrestati di oggi si aggiungono ad altri esponenti arrestati nei mesi scorsi, come Carlo Gervasoni, Filippo Carobbio, Alessandro Zamperini, Luigi Sartor e Doni.

Tra le perquisizioni in corso, una riguarda l'appartamento di Antonio Conte, per fatti legati ai tempi dle Siena. Il reato (da verificare) legato a COnte non riguarad assolutamente la Juventus.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017