Excite

Calciomercato: ore concitate per Van Persie, Lavezzi, Cavani e Zeman

  • infophoto

Nell'ultima settimana di maggio, tengono banco i soliti volti noti del calciomercato: Van Persie, Lavezzi, Cavani e Zeman.

Per Lavezzi si è scatenata ormai un'asta mondiale, e le probabilità che l'argentino rimanga al Napoli sono ridotte al lumicino.
Lo fa intendere lo stesso presidente De Laurentiis, che deve fare i conti con il bilancio ed il fair play finanziaro: "Il mercato del Napoli? Ci sono parametri imposti dal fair play, e mazzarri deve valorizzare i giocatori a disposizione".

E precisa: "Mazzarri è una persona intelligente e sa bene che al momento di fare le richieste dovrà poi confrontarsi con le esigenze economiche.
Mazzarri deve ragionare da Napoli e non da allenatore che magari vuole stare un anno soltanto e poi si vedrà. Quindi vuol portare un risultato a casa per se stesso. Il risultato a casa lo dobbiamo portare tutti, per il Napoli, per i napoletani e la città. Lavezzi? Su Lavezzi ci sono sei società interessate, dall’Inghilterra alla Russia, ci sono la Germania, l’Italia, la Francia, mi arrivano notizie anche dalla Cina. Si è scatenata un'asta internazionale
".

Sul fronte Juventus, Beppe Marotta e Fabio Paratici tessono le tela per portare in bianconero un fuoriclasse internazionale in attacco.
I nomi sono quelli già annunciaati più volte: Edinson Cavani, Luis Suarez, Gonzalo Higuain e Robin Van Persie.
Van Persie costa molto, Cavni è ritenuto incedibile, mentre su Suarez c'è molta concorenza sul mercato. Nelle utlime ore, si sono fatte insistenti le voci di un possibile assalto della Juve su Cavani, nonostante Aurelio De Laurentiis faccia pressione sull'uruguaiano: "I contratti vanno rispettati".

In casa Roma, sembra cosa fatta per per l’arrivo di Zdenek Zeman sulla panchina della Roma, 13 anni dopo la sua ultima esperienza.
In esclusiva su Sky, Zeman ha precisato. "Andai via perché dovevo, per un problema politico. Quando scoppiò lo scandalo, a Roma ha perso più di venti punti per decisione di altri, e con venti punti in più saremmo stati competitivi. Ma forse la Roma fece bene a non continuare con me. Ora ho parlato con la società giallorossa, siamo a buon punto".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017