Excite

Calciomercato Milan, tutto ruota intorno agli attaccanti

Chiudere in testa il 2010 ha dato sicuramente prestigio alla prima parte di stagione rossonera che in estate ha deciso di cambiare separandosi da Leonardo e puntando tutto su Massimiliano Allegri, il tecnico ex Cagliari che tanto bene ha fatto alla corte di Cellino. Un investimento su un tecnico giovane e preparato che finora ha dato ottimi frutti considerato il primato in classifica e la qualificazione agli ottavi di Champions League, seppur alle spalle del Real Madrid di Mourinho.

Mercato di gennaio: chi ha più bisogno di rinforzi? Vota il nostro sondaggio

L’acquisto migliore resta senza dubbio quello di Zlatan Ibrahimovic che, dopo una stagione con più ombre che luci al Barcellona, ha ripreso immediatamente ad essere decisivo proprio come lo era stato con la maglia dell’Inter. In attacco però al suo fianco si sono alternati quasi tutti i componenti del reparto offensivo rossonero con fortune alternate: prima Ronaldinho, poi Pato, quindi Inzaghi e infine Robinho che è tornato ad essere il giocatore determinante ammirato ai tempi del Real Madrid dopo la brutta parentesi al Manchester City.

Ma il grave infortunio occorso a Pippo Inzaghi che ha praticamente concluso la sua stagione e i continui problemi fisici che stanno affliggendo il brasiliano Pato hanno convinto la dirigenza del Milanad operare nel mercato di gennaio: è arrivato subito quasi a costo zero Antonio Cassano, talento barese celebre per la sua grande tecnica ma anche per le innumerevoli bizze che ha fatto ovunque sia andato (Roma, Real Madrid e Sampdoria).

Cassano, primo giorno da Diavolo: ecco le prime foto in rossonero

Ora si punta all’acquisto di una quinta punta considerando che Ronaldinho è ormai ad un passo dal Gremio come conferma il presidente della squadra brasiliana: “Ne sono assolutamente certo – conferma Paulo Odone, presidente del Gremio, intervistato da Radio Globo Sao Paulo - Ronaldinho vuole giocare nel Gremio, e torna in Brasile non per soldi ma perchè vuole riconciliarsi con la nostra tifoseria e tornare a far parte della nazionale brasiliana”. Considerando dunque che Cassano non potrà far parte della rosa Champions, la società rossonera punta all’acquisto di una quinta punta: suggestiva l’ipotesi di Mario Balotelli che dovrebbe raggiungere Allegri a giugno, maggiormente percorribili le piste che portano ad Alessandro Matri, giovane punta del Cagliari che tanto piace al tecnico rossonero, e Massimo Maccarone, esperto attaccante del Palermo che arriverebbe a Milanello a colmare il buco lasciato vuoto da Inzaghi. C’è anche un’ipotesi Caracciolo (Brescia) ma per ora la società sta ancora valutando la strada migliore.

Per giugno intanto è stato pressoché concluso l’accordo con il River Plate per Erik Lamela, 18enne trequartista richiesto da mezza Europa. La cifra si aggira attorno ai 12-13 milioni di euro e se fosse confermata l’ufficialità di questa operazione, Galliani potrebbe aver concluso un colpo che assomiglia molto ai precedenti Kakà e Pato, giunti in Italia da semi-sconosciuti ed esplosi poi alla corte rossonera.

Speciale Calciomercato gennaio: ecco come cambia la Serie A

Nel frattempo però bisogna pensare al mercato di gennaio in cui si seguono con attenzione tre centrocampisti: si tratta di Andrea Lazzari (Cagliari), Andrea Poli (Sampdoria) e Kevin Constant (Chievo), per il quale si sta scatenando una vera e propria asta che vede coinvolta anche la nuova Inter di Leonardo. Per il resto la rosa dovrebbe restare pressoché intatta visto che Allegri sta facendo ruotare molto difensori e centrocampisti cercando di tenere il più possibile sempre tutti sulla corda. Compito arduo ma fruttuoso perché, come dichiarato da Galliani, dopo tre anni d’astinenza il Milan nel 2011 ha voglia di tornare a vincere.

 (foto: sport.sky.it)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019