Excite

Calciomercato, Inter-Lavezzi grazie a Thohir? Milan, Allegri alla Roma. Mourinho-Chelsea: c'è la firma

  • Getty Images

Il calciomercato dell'Inter potrebbe essere ad una svolta grazie all'ingresso in società del tycoon indonesiano Erick Thohir. Il magnate asiatico, proprietario di un impero a base di tv, giornali e radio, stimato in 2,8 miliardi di dollari (503esimo nella classifica Forbes) e già socio dei Philadelphia 76ers è pronto a correre in soccorso delle rinsecchite casse nerazzurre.

L'unico ostacolo pare essere la consistente percentuale che Thohir vorrebbe rilevare: il 51%, togliendo quindi il timone dalle mani di Massimo Moratti, per nulla convinto da questa idea.

In ogni caso, l'accordo potrebbe essere solo questioni di giorni e l'Inter si ritroverebbe con un innesto di capitale notevole, tale da consentire una campagna acquisti che andrebbe ad aderire alle richieste di Walter Mazzarri.

Il nuovo tecnico sarebbe ben felice di riabbracciare Ezequiel Lavezzi. Il Paris Saint-German non vorrebbe però svendere l'argentino, acquistato lo scorso anno per poco più di 30 milioni dal Napoli. Altra idea per il reparto avanzato è Ishak Belfodil, valutato dal Parma 15 milioni.

Astori, Nainggolan e Isla sono tre nomi caldeggiati dal tecnico livornese, che vorrebbe trascinare a Milano anche due dei suoi pupilli dell'epoca azzurra: Valon Behrami e Camilo Zuniga.

JUVENTUS-JOVETIC - Le indiscrezioni sulla trattativa si arricchiscono delle parole di Aquilani: "So che un anno fa gli è stata fatta una promessa, Jovetic andrà via. Ci mancherà". Il primo pretendente resta il club bianconero: l'offerta alla Fiorentina sarà ufficialmente fatta pervenire nei prossimi giorni, si ragiona su cash (18 milioni) più contropartita tecnica (Marrone).

Oggi intanto è previsto l'incontro fra il manager del calciatore montenegrino, Ramadani, e il club. Il procuratore di Jovetic proverà ad ammorbidire la posizione dei viola, che non si smuovono dalla iniziale richiesta di 30 milioni in contanti. Secondo la Gazzetta dello Spor i prossimi 10 giorni saranno decisivi, entro il 15 giugno potrebbe arrivare l'ufficialità.

MILAN -La conferma di Massimiliano Allegri al Milan resta appesa ad un filo. Il tecnico incontrerà Galliani, che in questi ultimi giorni ha provato a ricucire il rapporto fra "il conte Max" e Silvio Berlusconi.

Questa sera si sarebbe dovuta tenere una cena ad Arcore, che però è saltata per motivi che non riguardano gli aspetti calcistici degli interessi del Cavaliere, ma politici. "La segreteria aveva approntato tutto per l'incontro riservato al Milan...Dietro all'annullamento del summit non c'è alcun significato legato alla scelta dell'allenatore", ha fatto sapere Galliani, apparso nelle ultime ore più convinto di trattenere il tecnico.

Lo stesso ottimismo sprizzato a Trigoria, dove per Allegri è pronto un contratto di due anni, con possibile opzione per il terzo e uno stipendio base di circa 3 milioni di euro netti più premi. Il tecnico toscano porterebbe con sé i due fidati collaboratori, Landucci e Folletti.

Andasse proprio così, dovesse quindi consumarsi l'addio fra Massimiliano Allegri e il club rossonero, il Milan andrebbe dritto su Clarence Seedorf.

CASO DE ROSSI - Il centrocampista avrebbe espresso il desideriodi cambiare aria dopo la socnfotta nel derby in finale di coppa Italia. Due le opzioni a sua disposizione, Real Madrid e Chelsea. Nel primo caso lo aspetterebbe Carlo Ancelotti, nel secondo José Mourinho, che proprio oggi ha firmato un contratto che lo lega ai blues per i prossimi quattro anni a cifre astronomiche: 11,5 milioni a stagione.

La Roma guadagnerebbe dall'operazione circa 15 milioni di euro, ma risparmierebbe uno stipendio da circa 10 milioni a stagione. Osvaldo, Goicoechea, Tachtsidis, Burdisso, Nico Lopez, José Angel sono gli altri calciatori pronti a lasciare il club giallorosso.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019