Excite

Calcio malato, il Crotone è l'ultimo scandalo di una lunga lista

La Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro ha chiesto il sequestro dei beni di Raffaele Vrenna e di suo fratello Giovanni. Si tratta di ottocento milioni di euro di beni, ma il bene più famoso è sicuramente il Crotone Calcio. Un atto che è soltanto l’ennesima dimostrazione di quanto il calcio e la malavita organizzata siano contigui. Affermazione corroborata dalle dichiarazioni del Consiglio Superiore della Magistratura in apertura dell’anno giudiziario 2015.

Il fenomeno non si limita certamente al Crotone e/o ad altre realtà meridionali. Il calcio italiano è malato, moribondo, da Bolzano a Lampedusa. Perché camorra, ’ndrangheta e mafia si sono infiltrate nel mondo del calcio? I motivi sono essenzialmente tre: consenso popolare, riciclaggio di denaro sporco e scommesse. Perché il calcio? Perché è una delle prime aziende del paese come fatturato e perché vige la sostanziale impunità per tutti i reati connessi al mondo del calcio.

Scopri le sentenze sullo scandalo Fifa

Sul consenso popolare c’è poco da argomentare, in molte realtà il presidente della squadra di calcio è molto più considerato del sindaco o del presidente della regione. Basta una parola per muovere all’azione migliaia di persone. Il riciclaggio di denaro sporco ha mille fonti differenti. La compravendita dei calciatori avviene con cospicuo uso di pagamenti in nero e mazzette a procuratori e intermediari di vario genere. Soldi che passano di mano in mano senza controlli, senza tasse e senza nessuna remora morale. Tantissimi i casi dall’acquisto di Lentini da parte del Milan ai fondi neri che hanno coinvolto molti ex tesserati della Nocerina, all’epoca in C1-B, di patron Giovanni Citarella.

Il calcioscommesse, poi, è un baratro senza fondo. L’ultimo caso eclatante è quello del Catania. Il presidente Pulvirenti ha ammesso di aver comprato cinque partite consecutive dell’ultimo campionato di Serie B. Questo porta a due considerazioni. Innanzitutto che un torneo dove è possibile falsare cinque partite senza grosse difficoltà è un torneo falsato e inattendibile dal punto di vista sportivo. In seconda battuta si può ragionare sulla punizione comminata al Catania. Retrocessione in C, cioè nel campionato dove sarebbe finito senza falsare il campionato, e una decina di punti di penalizzazione. Bazzecole. Che tipo di timore può infliggere una giustizia sportiva del genere?

Guarda le dichiarazioni di Bonaventura

Il calcioscommesse, però, agisce anche sulle partite combinate a prescindere dal risultato sportivo. I tanti 2-2, 3-3, partite dove ci sono clamorose rimonte negli ultimi minuti o ribaltamenti di punteggio tra il primo ed il secondo tempo sono all’ordine del giorno. Provate a pensare al famoso scandalo che ha avuto in Masiello e Doni i suoi esponenti più famosi. Cosa è successo? Squalifiche ridicole, spesso solo a giocatori già ad un passo dal ritiro, contratti onorati o rinnovati e molto altro. Masiello gioca ancora in A come quasi tutti gli altri giocatori coinvolti. Chi è stato penalizzato? Farina, all’epoca uno dei migliori terzini della serie C, che a 30 anni non ha più trovato una squadra dopo aver fatto scoppiare lo scandalo per aver denunciato un tentativo di corruzione.

Leggi l'ultima sentenza sulla morte di Bergamini

Si scommette su tutto e in tutte le categorie. L’inchiesta Dirty Soccer ha portato alla luce una sorta di listino prezzi. In Serie D, dove giocano obbligatoriamente 4 ragazzi al di sotto dei vent’anni e quindi poco incisivi dal punto di vista tecnico, con poco più di diecimila euro si possono convincere tre quattro veterani ad indirizzare il risultato della partita. Salendo di categoria si sale di prezzo, ma tutto è in vendita. Chiudiamo ancora con il Crotone. Il pentito Bonaventura, che gestiva il servizio di sicurezza allo stadio per conto del presidente Vrenna, ha dichiarato che il play off per accedere alla Serie B, vinto con il Benevento fu, per così dire, influenzato dalle violenze prima minacciate e poi inflitte ai calciatori giallorossi. Conseguenze? Nessuna, the show must go on, ma fino a quando?

calcio.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017